Svelando gli effetti di una importante classe di farmaci per il diabete

Marzo 14, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un gruppo di ricerca guidato da Brigham and Women Hospital (BWH) e Dana-Farber Cancer Institute (DFCI) ha scoperto sorprendenti nuove scoperte che sottolineano il ruolo di un importante percorso di segnalazione, già noto per essere critici nel cancro, nello sviluppo di tipo 2 diabete. I loro risultati, pubblicati nel novembre 17, numero 2014 anticipata online della rivista Nature, gettano ulteriore luce su come una classe di lunga data di farmaci per il diabete, noto come tiazolidinedioni (TZD), il lavoro per migliorare il metabolismo del glucosio e suggeriscono che gli inibitori della via di segnalazione - noto come il/ERK MEK - può anche tenere promessa nel trattamento del diabete di tipo 2.

"E 'stato riconosciuto che i tiazolidinedioni hanno enormi benefici nel trattamento del diabete di tipo 2, ma hanno anche rischi significativi", ha detto Alexander S. Banks, PhD, autore principale e ricercatore presso la Divisione di Endocrinologia, Diabete e ipertensione a BWH. "La domanda è: possiamo ridurre al minimo questi effetti negativi modificando i farmaci poco o avvicinando il percorso da una direzione diversa?"

Questa ipotesi ha portato Banche e di Bruce Spiegelman DFCI, PhD, un ricercatore nel dipartimento di Biologia Cancro al Dana-Farber, di concentrarsi su un giocatore molecolare critico noto come CDK5. Un tipo di enzima noto come chinasi, CDK modifica un sito chiave sulla molecola di mira da TZD (noto come PPAR). Per capire meglio il ruolo di CDK5, Banks ei suoi colleghi hanno creato un ceppo speciale di topi privi CDK5 in tessuti adiposi --where PPAR è più altamente attivi e TZD si pensa di agire.




Invece di confermare i loro sospetti iniziali su CDK5, i risultati della squadra li puntato in una direzione molto diversa: i loro risultati hanno suggerito che un altro chinasi chiave è stato coinvolto. In collaborazione con i ricercatori della Harvard Medical School, Banks, Spiegelman e colleghi hanno condotto una vasta ricerca imparziale per determinare la sua identità. Che la ricerca alla fine li ha portato alla chinasi nota come ERK.

Dopo uno studio biochimico dettagliata della funzione ERK, la squadra di cui per testare il suo ruolo nel metabolismo del glucosio, e ha scoperto che gli inibitori MEK, che la funzione di blocco ERK, migliorare significativamente la resistenza all'insulina in modelli murini di diabete.

"Una nuova classe di farmaci, rivolto soprattutto ai cancro, è stato sviluppato in grado di inibire l'azione di ERK. Questi farmaci, noti come inibitori MEK, aiutano ad estendere la vita dei pazienti con casi avanzati di melanoma", ha detto Banks. "Uno degli aspetti più interessanti di questo lavoro è il concetto che si potrebbe inibire l'attivazione anormale di ERK visto nel diabete che utilizzano questi inibitori MEK progettati per il trattamento del cancro, ma a basse dosi, più sicuri."

"Tutti i tentativi di sviluppare nuove terapie porterà rischi, ma le opportunità qui sembrano certamente la pena di esplorare in clinica", ha detto Spiegelman.

Mentre molto più lavoro deve essere fatto per determinare se gli inibitori MEK sarà un trattamento sicuro ed efficace per il diabete di tipo 2, lo studio Natura offre una finestra importante sulle basi molecolari dell'azione TZD. Inoltre, suggerisce che l'inibizione di MEK/ERK può offrire una rotta valida verso minimo gli effetti indesiderati dei farmaci.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha