Swine flu spread era molto più ampio di quanto si pensasse, dicono gli scienziati

Aprile 24, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

L'epidemia di influenza dell'inverno 2009-2010 suina era molto più diffusa di quanto precedentemente realizzato, la ricerca suggerisce.

I campioni di sangue prelevati da adulti scozzesi nel marzo dello scorso anno alla fine della stagione influenzale H1N1 hanno mostrato che quasi la metà sono state portando anticorpi al virus.

La maggior parte del 44 per cento che sono risultati positivi aveva contratto l'influenza suina, anche se alcuni avevano acquisito l'immunità da un precedente attacco di influenza, o erano stati vaccinati.




La ricerca, guidata dall'Università di Edimburgo, dimostra che molti casi di influenza suina è andato non dichiarata. Solo 100.000 persone consultate il loro medico di famiglia per quanto riguarda l'influenza, di circa due milioni di persone che si ritiene di aver contratto il virus.

Le persone che vivono nelle aree più svantaggiate erano due volte più probabilità di avere contratto il virus. Gli scienziati aggiungono che è possibile che molte persone che erano stati vaccinati contro il virus erano già immuni.

Quasi 1600 adulti da est della Scozia e Glasgow, che sono partecipanti al sistema di volontariato sanitario Scozia Generation Scottish Family Health Study, hanno preso parte.

La ricerca, svolta in collaborazione con l'Università di Strathclyde, la tutela della salute e la Scozia occidentale della Scozia Specialist Virologia Centro, è stato finanziato dalla Scientist dell'Ufficio Capo e pubblicato sulla rivista online PLoS ONE.

Il professor Mark Woolhouse dell'università di Centro di Edimburgo per le malattie infettive, che ha condotto lo studio, ha detto: "Questa influenza si sviluppa molto rapidamente Fortunatamente la maggior parte dei casi erano lievi, ma questo significa anche che non sono stati segnalati test per gli anticorpi anti influenza potrebbe essere.. prezioso per il monitoraggio future pandemie e il targeting di vaccinazione a quei gruppi che hanno maggiormente bisogno. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha