Tè, agrumi possono ridurre il rischio di cancro ovarico, la nuova ricerca trova

Marzo 12, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Tè e agrumi e succhi di frutta sono associati a un minor rischio di sviluppare il cancro ovarico, secondo una nuova ricerca della University of East Anglia (UEA).

La ricerca rivela che le donne che consumano alimenti contenenti flavonoli e flavanoni (entrambe sottoclassi di flavonoidi nella dieta) diminuiscono in modo significativo il rischio di sviluppare cancro ovarico epiteliale, la quinta causa di morte per cancro tra le donne.

Il gruppo di ricerca ha studiato le abitudini alimentari di 171.940 donne di età compresa tra i 25 ei 55 per più di tre decenni.




Il team ha scoperto che coloro che consumano cibi e bevande ad alto contenuto di flavonoli (presenti nel tè, vino rosso, mele e uva) e flavanoni (trovato in agrumi e succhi di frutta) sono stati meno probabilità di sviluppare la malattia.

Il cancro ovarico colpisce più di 6.500 donne nel Regno Unito ogni anno. Negli Stati Uniti, circa 20.000 donne con diagnosi di cancro ovarico ogni anno.

Prof Aedin Cassidy, del Dipartimento di Nutrizione presso Norwich Medical School di UEA, ha condotto lo studio. Ha detto: "Questo è il primo studio su larga scala esaminando se l'assunzione abituale di diversi flavonoidi può ridurre il rischio di cancro ovarico epiteliale.

"Abbiamo scoperto che le donne che consumano cibi ricchi di due sotto-gruppi di sostanze potenti chiamate flavonoidi - flavonoli e flavanoni - avevano un rischio significativamente più basso di sviluppare il cancro ovarico epiteliale.

"Le principali fonti di questi composti sono tè e agrumi e succhi di frutta, che sono facilmente incorporati nella dieta, suggerendo che i cambiamenti semplici di cibo potrebbero avere un impatto sulla riduzione del rischio di cancro ovarico.

"In particolare, solo un paio di tazze di tè nero ogni giorno è stato associato ad una riduzione del 31 per cento del rischio."

La ricerca è stata la prima ad esaminare in modo esaustivo i sei principali sottoclassi di flavonoidi presenti nella dieta normale con il rischio di cancro alle ovaie, e il primo a studiare l'impatto di polimeri e antociani.

Lo studio è stato condotto dal professor Cassidy e Prof Shelley Tworoger, dal Brigham and Women Hospital e della Harvard Medical School. I dati sono stati derivati ​​da Health Study Nurses '.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha