Tasso di HIV in San Francisco potrebbe essere tagliato nettamente con trattamento espanso, studio prevede

Marzo 19, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Se gli adulti con infezione da HIV in San Francisco ha cominciato a prendere trattamenti antiretrovirali, non appena sono stati diagnosticati, il tasso di nuove infezioni da HIV tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con gli uomini dovrebbe diminuire di quasi il 60 per cento in cinque anni, secondo un nuovo studio condotto da scienziati presso l'Università della California, San Francisco.

A San Francisco, gli uomini che hanno rapporti sessuali con gli uomini comprendono più di tre quarti della popolazione di persone che vivono con l'HIV e più di tre quarti delle nuove infezioni da HIV si verificano in questo gruppo. Lo studio ha esaminato in particolare l'impatto del trattamento su tassi di nuove infezioni da HIV in questa popolazione.

La scoperta è pubblicata nel 15 aprile 2011 numero di infezioni cliniche malattie.




La decisione di quando iniziare il trattamento con farmaci antiretrovirali è un argomento di dibattito, con gli esperti equamente divisi sull'opportunità di iniziare la terapia antiretrovirale subito dopo la diagnosi di HIV o in attesa fino a quando conta di cellule CD4 del paziente scende al di sotto di 500 cellule per microlitro.

All'inizio dello scorso anno, la divisione di UCSF di HIV/AIDS a San Francisco General diventata la prima pratica clinica nel paese di consigliare il trattamento al momento della diagnosi a tutti i pazienti affetti da HIV. Il Dipartimento di San Francisco della sanità pubblica seguì poco dopo. I due programmi combinati trattare circa un terzo della popolazione HIV-infettati paziente in San Francisco.

"San Francisco ha avuto successo nel promuovere il test HIV per le persone a rischio e per ottenere le persone infette in cura e il trattamento efficace", ha detto il piombo studio investigatore, Edwin D. Charlebois, MPH, PhD, professore associato di medicina presso il Centro per la prevenzione dell'AIDS UCSF Studies. "In questo studio, abbiamo cercato di stimare i risultati di diverse strategie, tra cui il trattamento immediato e universale sarebbe sul tasso di nuove infezioni -. Livello di comunità HIV effetto di prevenzione"

"Prove recenti suggeriscono che, oltre a poter usufruire del singolo, trattamento per l'HIV può ridurre il rischio di trasmissione dell'HIV ad altre persone. Abbiamo scoperto che, semplicemente cambiando la strategia di quando iniziare il trattamento nei soggetti già in cura, il nostro modello prevede significativo riduzioni nuove infezioni da HIV tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini a San Francisco. "

Inoltre, lo studio ha rilevato che l'aggiunta di verifica annuale HIV per gli uomini che hanno rapporti sessuali con gli uomini della città di trattamento universale potrebbe portare alla riduzione delle nuove infezioni dal 75 per cento, i ricercatori segnalano nel loro articolo. "I nostri risultati mostrano che possiamo ottenere anche una maggiore riduzione delle nuove infezioni da HIV, se facciamo un lavoro migliore di incoraggiare le persone a fare il test, continuare a migliorare i nostri collegamenti per la cura e il trattamento di offrire a tutti i pazienti affetti da HIV", ha detto il co-autore, Diane V. Havlir, MD, capo della Divisione UCSF di HIV/AIDS a San Francisco General Hospital.

I ricercatori hanno modellato tre scenari di trattamento antiretrovirale espanse in San Francisco: uno è l'attuale standard di cura in cui il trattamento viene offerto ai pazienti affetti da HIV con conta delle cellule CD4 inferiore a 500, il secondo trattamento offerta a tutti i pazienti HIV trattati con la cura e la terza strategia combinando intensificata test HIV annuale per gli uomini che fanno sesso con uomini con trattamento per tutti i pazienti affetti da HIV.

Il modello prevede che l'attuazione della terza strategia - un "test and treat" piena approccio - a San Francisco avrebbe tagliato a metà la percentuale di uomini che fanno sesso con gli uomini che vivono con l'HIV in città dal suo livello attuale di circa uno su quattro a uno su otto in 20 anni.

"I nostri medici raccomandano di iniziare la terapia antiretrovirale per tutti i nostri pazienti HIV positivi sulla base della nostra valutazione che ritardare il trattamento permette al virus di fare danni ai principali sistemi di organi e porterebbe a risultati più poveri per i pazienti. E 'troppo presto per dire se questo cambiamento in strategia di trattamento lo scorso anno dalla nostra clinica e il Dipartimento di sanità pubblica ha avuto alcun impatto nella prevenzione delle infezioni da HIV ", ha detto Havlir.

"Nonostante il beneficio della comunità di aliquote ridotte di nuove infezioni - che abbiamo vista come un guadagno aggiunto - siamo convinti che la ragione principale per pazienti affetti da HIV devono iniziare la terapia antiretrovirale al momento della diagnosi è così che essi sperimenteranno una salute migliore e avrà un più lungo durata della vita che se avessero aspettato ", ha aggiunto.

Co-investigatori per lo studio sono Moupali Das del Dipartimento di San Francisco di sanità pubblica e Travis Porco da UCSF.

Finanziamento per la ricerca è stato fornito dal National Institute of Mental Health attraverso una sovvenzione al Centro UCSF per AIDS Prevention Studies.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha