Tempi di farmaci ADHD influisce progressi accademici

Maggio 3, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un team di ricercatori guidato da un epidemiologo al Mount Sinai School of Medicine e dell'Università di Islanda ha trovato una correlazione tra l'età in cui i bambini con deficit di attenzione/iperattività (ADHD) iniziano l'assunzione di farmaci, e come ben si effettuare nei test standardizzati , soprattutto in matematica.

Lo studio, dal titolo "A studio basato sulla popolazione di Trattamento droga stimolante di ADHD e progressi accademici nei bambini," appare nel luglio 2012, edizione di Pediatria, e può essere consultato on-line il 25 giugno utilizzando i dati del Medicines islandesi Registro e il database di Scholastic esami nazionali, i ricercatori hanno studiato 11.872 bambini islandesi nati tra 1994 e 1996. I bambini iniziato farmaci per l'ADHD in tempi diversi tra il quarto e settimo grado.

I risultati hanno mostrato che i bambini che hanno iniziato il trattamento farmacologico entro 12 mesi dalla loro prova di quarta elementare è diminuito dello 0,3 per cento in matematica dal momento in cui hanno preso la loro prova settimo grado, a fronte di un calo del 9,4 per cento nei bambini che ha cominciato a prendere il farmaco 25-a -36 mesi dopo la loro prova di quarta elementare.




I dati hanno anche mostrato che le ragazze beneficiato solo in matematica, mentre i ragazzi hanno avuto benefici marginali nelle arti di matematica e della lingua.

"I bambini che hanno iniziato l'assunzione di farmaci immediatamente dopo le prove di quarta elementare standardizzati hanno mostrato i più piccoli cali rendimento scolastico", ha detto l'autore principale dello studio Helga Zoega, PhD, Post Doctoral Fellow di Epidemiologia presso l'Istituto Monte Sinai per traslazionale Epidemiology. "L'effetto è stato maggiore nelle ragazze rispetto ai ragazzi e anche maggiore per i bambini che hanno fatto male a loro prova quarta elementare."

Gli stimolanti sono ampiamente utilizzati negli Stati Uniti come opzione terapeutica per i bambini con disattenzione, impulsività e iperattività associata con ADHD. I farmaci sono meno frequentemente utilizzati in Europa, anche se il loro impiego in Islanda più si avvicina agli studi di follow-up a lungo termine degli Stati Uniti d'uso di stimolanti e di rendimento scolastico sono scarse, secondo i ricercatori.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha