Tempo di ripensare cause, possibili trattamenti di disturbi mentali, dicono gli esperti

Aprile 24, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

E 'il momento di rivalutare disturbi mentali, riconoscendo che si tratta di disturbi di circuiti cerebrali probabilmente causate da processi di sviluppo, secondo un commento del 19 maggio del JAMA, un problema sul tema della salute mentale.

Thomas R. Insel, MD, Direttore, Istituto Nazionale di Salute Mentale (NIMH), Bethesda, Md., Ha presentato il commento in un JAMA mezzi di informazione sulla salute mentale.

Dr. Insel e commento co-autore Philip S. Wang, MD, Dr.PH, Vice Direttore, NIMH, scrivono che validi motivi per cercare i geni che conferiscono il rischio per la malattia mentale provengono da studi sui gemelli che dimostrano alta ereditabilità per l'autismo, la schizofrenia, e disturbo bipolare. "Anche se ci sono stati risultati importanti da linkage e genoma studi di associazione con geni candidati e alleli specifici [una forma alternativa di un gene] individuate per ciascuno dei principali disturbi mentali, quelli che sono stati replicati spiegano solo una frazione del ereditabilità. "




Gli autori aggiungono che anche se molti dei geni implicati sono coinvolti nello sviluppo del cervello, copiare varianti numero non sembrano essere specifici per le malattie del sistema di diagnostica attuale. "All'interno delle famiglie, lo stesso numero di copie variante può essere associato con la schizofrenia in una sola persona, il disturbo bipolare in un altro, e da deficit di attenzione/iperattività in un altro. La genetica della malattia mentale può davvero essere la genetica dello sviluppo del cervello, con diversi risultati possibili, a seconda del contesto biologico e ambientale. "

"Gli stessi studi sui gemelli che puntano a alta ereditabilità dimostrano anche i limiti della genetica: i fattori ambientali devono essere importanti per i disturbi mentali", che scrivono. "L'avvento di epigenomica, in grado di rilevare gli effetti molecolari di esperienza, può fornire un potente approccio per la comprensione degli effetti critici degli eventi di inizio della vita e l'ambiente su modelli adulti di comportamento."

Gli autori notano che la genomica e epigenomica già indicano percorsi molecolari diversi che conferiscono il rischio di malattia mentale. «Che cosa lega questi meccanismi molecolari diversi insieme per produrre gruppi di sintomi riconosciuti come sindromi di disturbi psichiatrici? Sempre più spesso, i neuroscienziati clinici stanno identificando circuiti specifici per i principali aspetti della malattia. Ma proprio come le varianti genetiche non mappare selettivamente su attuali categorie diagnostiche, così, anche, circuiti sembrano essere associati con funzioni cognitive e comportamentali, senza una corrispondenza uno-a-uno alla diagnosi ".

Emergendo da sistemi neuroscienze sono due punti degni di nota, secondo gli autori. "In primo luogo, sembra che ci siano relazioni emergenti tra variazione e lo sviluppo di circuiti neurali che mediano la cognizione e il comportamento complesso, dal premio di regolazione delle emozioni genetica. In secondo luogo, le attuali categorie diagnostiche, in base alle caratteristiche cliniche, non sembrano allineare bene con i risultati dalla genetica e neuroscienze. "

Essi aggiungono che riconcettualizzazione disturbi della mente, come disturbi del cervello ha importanti implicazioni per come e quando intervenire. Anche se le malattie mentali sono più probabilità dello sviluppo neurologico, piuttosto che le malattie neurodegenerative, le manifestazioni comportamentali e cognitivi che significano questi come malattie "mentali" possono essere fasi tardive di processi che si avviano presto nello sviluppo. "Se la genetica e le neuroscienze potrebbero fornire rigorosi, specifici anni di rilevazione, presto prima psicosi o depressione, queste malattie possono essere ridefiniti in termini di traiettoria. Di conseguenza, gli interventi, piuttosto che essere migliorativa o riabilitativa, potrebbe diventare preventiva o addirittura preventive. Ma questa trasformazione nella diagnosi e nel trattamento, che può essere informato da recenti progressi nelle malattie cardiovascolari e il cancro, dipenderà da un fuoco intenso sulla genetica e circuiti sottostante malattia mentale per garantire nuovi approcci per la rilevazione del rischio, convalida la diagnosi, e lo sviluppo di nuovi interventi che può essere basata su alterare la plasticità o risintonizzare circuiti piuttosto che farmacologia neurotrasmettitore. "

Gli autori aggiungono che anche i nuovi interventi sono sviluppati per i disturbi d'ansia, recente scoperta di varianti genetiche associate con efficacia dei trattamenti comportamentali esistenti suggerisce nuovi modi per adeguare il loro utilizzo. Esempi come questo e altri forniscono forti basi per sperare che le intuizioni che emergono dalla genetica e neuroscienze saranno tradotti in sviluppo razionale di nuovi trattamenti robusti e personalizzati.

"Senza biomarcatori convalidati e troppo poco in termini di nuovi trattamenti medici dal 1980, le famiglie hanno bisogno di scienza di fornire più di speranza. La genetica e le neuroscienze, infine, avere gli strumenti per trasformare la diagnosi e il trattamento della malattia mentale", concludono gli autori.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha