Terapia che riscalda e distrugge i tumori ossei allevia il dolore dei pazienti

Marzo 15, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I pazienti con il cancro che si è diffuso alle ossa sono spesso trattati con radioterapia per ridurre il dolore. Ma se questo trattamento non funziona, o non può essere riutilizzato, un secondo, efficace opzione esiste ora. I risultati di uno studio clinico sulla nuova terapia, presentato da un ricercatore presso Kimmel Cancer Center di Jefferson, è stato presentato in occasione della riunione annuale della American Society of Clinical Oncology (ASCO).

Mark Hurwitz, MD, Direttore di Oncologia termico per il Dipartimento di Radioterapia Oncologica presso Thomas Jefferson University Hospital e ha riferito che il trattamento, risonanza magnetica immagine-guidata ultrasuoni focalizzati (MRIgFU) terapia di ablazione, del dolore significativamente ridotto nel 67 per cento dei pazienti che hanno ricevuto la trattamento. Il dispositivo, noto come ExAblate, utilizza numerosi piccoli fasci di ultrasuoni progettati per convergere su un tumore all'interno dell'osso, riscaldarla e distruggerla.

"Il dolore è un comune, spesso debilitante sintomo della diffusione del cancro alle ossa. Siamo lieti di avere oggi una seconda terapia che può migliorare il godimento della vita di un paziente," dice il Dott Hurwitz, che ha guidato la sperimentazione clinica. Un certo numero di tumori diffuse alle ossa, e una parte consistente di pazienti vivono per anni con queste metastasi, che possono avere un profondo impatto sulla qualità della vita del paziente, aggiunge.




I risultati dello studio hanno portato all'approvazione di ExAblate scorso ottobre da parte della Food and Drug Administration come terapia di seconda linea per la palliazione dei tumori ossei metastatici dolorose. La terapia di prima linea è in genere la radioterapia.

"La risposta di ExAblate era buono come la radioterapia, che era importante perché è molto raro vedere un trattamento di seconda linea con un tasso di risposta che è alto come terapia di prima linea," dice il Dott Hurwitz.

Egli ha aggiunto che l'uso di ExAblate offre diversi vantaggi rispetto ad altre terapie ablative. "E 'non-invasiva e fornisce informazioni anatomiche più dettagliate in modo da poter visualizzare il percorso del fascio completo per assicurarsi che le strutture critiche come vasi e nervi non sono in strada," dice il Dott Hurwitz. "Siamo inoltre in grado di monitorare la temperatura nel tumore e nella vicina tessuti normali in modo che non ci inavvertitamente riscaldare organi e tessuti normali."

ExAblate è stato approvato per il trattamento dei fibromi uterini.

Lo studio condotto dal Dott Hurwitz è uno studio multicentrico, randomizzato di fase e controllato con placebo tre trial clinico. I 142 pazienti arruolati potrebbe o non subire, o non avevano risposto al trattamento di radiazioni.

Tre mesi dopo la terapia ExAblate, il 67 per cento dei pazienti trattati ha registrato un significativo miglioramento nel dolore, rispetto al 21 per cento nel braccio placebo. Di norma, il dolore viene considerato "molto migliorata" o "molto migliorata", afferma Dr Hurwitz. Una qualità di vita di valutazione anche misurato un miglioramento significativo.

"Il trattamento è dato solo una volta, e una risposta si verifica in pochi giorni", dice. "Ci sono un sacco di pazienti che potrebbero beneficiare di MR ultrasuoni focalizzati guidati." La sperimentazione clinica è stato sponsorizzato da InSightec Ltd., che ha sviluppato ExAblate.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha