Terapia del cancro al seno Breakthrough riduce mastectomie, salva seno

Marzo 31, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un nuovo trattamento sviluppato e testato da University of Oklahoma ricercatori non solo ucciso tumori di grandi dimensioni, ma ha ridotto la necessità di una mastectomia di quasi il 90 per cento. Gli ultimi risultati appaiono in un prossimo numero di Annals of Surgical Oncology.

Forte di questo successo, i ricercatori presso l'UO Health Sciences Center, in programma di avviare la prossima fase di sperimentazione clinica quest'anno per testare la terapia sui tumori ancora più grandi.

"Questa terapia è un progresso importante per le donne con tumore della mammella in stadio più tardi. In questo momento, la maggior parte dei pazienti con tumori di grandi dimensioni perdono il loro seno. Con questo trattamento con la chemioterapia, siamo stati in grado di uccidere il cancro e salvare il tessuto del seno", ha detto William Dooley, MD, ricercatore presso il Cancer Institute OU e il direttore di oncologia chirurgica presso UO di Medicina.




Dr. Dooley sta conducendo un gruppo di ricercatori della UO, il Massachusetts Institute of Technology, il Los Angeles Biomedical Research Institute, il centro di senologia Comprehensive in Florida e l'ospedale di San Giuseppe in California.

Stanno lavorando su un trattamento chiamato Focused Microonde termoterapia. La tecnica, che è stato approvato dalla US Food and Drug Administration, utilizza una versione modificata della tecnologia a microonde dietro il sistema di difesa "Star Wars".

Nella più recente studio, i ricercatori hanno testato la terapia sui tumori che erano un pollice a un pollice e mezzo in dimensioni. Questi grandi tumori di solito richiedono mastectomia. Quando i ricercatori hanno usato la terapia di riscaldamento entro due ore di pazienti sottoposti a chemioterapia, il tumore era più sensibili alla chemioterapia e ridotto rapidamente. La percentuale di pazienti che necessitano mastectomie è stato ridotto dal 75 per cento al 7 percento.

"Il processo è stato un grande successo. Siamo stati in grado di invertire completamente quelle quote", ha detto Dooley. "Abbiamo ridisegnato la macchina e cominceremo le sperimentazioni cliniche di quest'anno per determinare se la terapia funziona su tumori che sono più grandi di uno e mezzo pollici e più piccolo di 5 pollici di dimensioni."

In teoria, Dooley detto la tecnica potrebbe essere utilizzato su qualsiasi organo che potrebbe essere "relativamente ancora tenuto." Gli scienziati stanno lavorando per integrare sensibile al calore nanotecnologia che più precisamente colpire le cellule tumorali. Essi prevedono inoltre di studiare un sottoprodotto della rapida disintegrazione del tumore - un sistema immunitario potenziato. Dooley ha detto che sembra che il rapido rilascio di proteine ​​tumorali nel sangue provoca una risposta immunitaria che potrebbe ridurre il rischio di recidiva del tumore.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha