Terapia genica consegna dei fattori di crescita nervosi Inverte la disfunzione erettile in un modello animale

Aprile 17, 2016 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Ratti con disfunzione erettile, o DE, che sono stati iniettati con un vettore terapia genica contenente una di due fattori di crescita dei nervi sono stati in grado di riconquistare la funzione normale dopo quattro settimane, secondo uno studio condotto dalla University of Pittsburgh School of Medicine i ricercatori. Questi risultati sono stati presentati in occasione della riunione annuale 10 della American Society of Gene Therapy, che ha convocato 30 maggio-3 giugno presso il Washington State Convention & Trade Center, Seattle.

ED è l'incapacità ripetuta per raggiungere o mantenere un'erezione necessaria per un rapporto sessuale. A causa della variabilità dei sintomi, stime di incidenza di DE variano ma gamma da 15 a 30 milioni gli uomini colpiti negli Stati Uniti. ED è spesso associata a danni al nervo cavernoso che deriva da un intervento chirurgico per il cancro alla prostata. Anche se un paziente riceve una procedura di nerve sparing durante l'intervento chirurgico, il recupero da DE dopo prostatectomia radicale può richiedere molto tempo.

In questo studio, che è stato condotto da Joseph C. Glorioso, III, Ph.D., presidente del dipartimento di biochimica e genetica molecolare, e Joel Nelson, MD, presidente del dipartimento di urologia, Università di Pittsburgh School of Medicine, ricercatori hanno inserito sia il gene per la linea di cellule gliali fattore neurotrofico derivato (GDNF) o il ligando famiglia GDNF (neurturin) in un virus herpes simplex geneticamente (HSV). Essi poi iniettato uno dei virus ricombinanti nel nervo cavernoso danneggiato di ratti. GDNF è un importante fattore di crescita dei nervi ed è stato dimostrato in altri studi per contribuire alla sopravvivenza e la rigenerazione dei nervi del pene. Neurturin è anche un fattore di crescita nervoso strettamente legato al GDNF. Topi di controllo ha ricevuto solo il virus senza il GDNF o neurterin geni inseriti.




Quattro settimane dopo il trattamento, i ratti amministrati HSV-GDNF hanno mostrato significativa ripresa della pressione intracavernosa (ICP) e della pressione arteriosa sistemica (AP) rispetto ai ratti trattati con il virus di controllo o topi non trattati con ED. Ratti trattati con HSV-neurturin esposti anche significativo recupero di ICP e AP rispetto al controllo o topi non trattati a quattro settimane dopo il trattamento. Studi proteina fluorescente hanno anche mostrato che i geni consegnate erano state efficacemente integrate nelle cellule bersaglio nervose.

Secondo il dottor Glorioso, consegna HSV di GDNF o neurturin presenta un nuovo approccio potenzialmente importante per il trattamento della disfunzione erettile. "Poiché il virus herpes persiste nella cellula nervosa finché è vivo e cellule nervose tipicamente non riprodurre, questo rappresenta il primissimo dimostrazione di un trattamento a lungo termine per la DE che non si basa sulla somministrazione cronica di farmaci che possono avere effetti collaterali potenzialmente dannosi ", ha spiegato.

In aggiunta a Dott. Glorioso e Nelson, altri coinvolti nello studio incluso, William F. Goins, Ph.D., Shaohua Huang, Ph.D., James B. Wechuck, Ph.D., e Darren P. Wolfe, Ph.D., dipartimento di genetica molecolare e biochimica, Università di Pittsburgh School of Medicine; Ryuichi Kato, MD, Naoki Yoshimura, MD, Christian H. Coyle, MD, Michael B. Cancelliere, MD, e Fernando de Miguel, MD, Dipartimento di Urologia, Università di Pittsburgh School of Medicine; e Taiji Tsukamoto, MD, Dipartimento di Urologia, Sapparo Medical University School of Medicine, Giappone.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha