Terapia ormonale: Does Matter Timing?

Giugno 7, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le donne che hanno iniziato la terapia ormonale subito dopo la menopausa non hanno mostrato una ridotta funzionalità dei vasi sanguigni sollevare la questione se gli effetti negativi della terapia ormonale in studi recenti potrebbero essere evitati nei pazienti più giovani.

I risultati di studi in corso rigorosi, randomizzati e controllati di giovani donne in menopausa sulla terapia ormonale sono necessari prima di considerare le modifiche alle linee guida attuali.

I risultati di questo piccolo studio osservazionale non suggeriscono che le donne che entrano in menopausa dovrebbero iniziare la terapia ormonale.




La terapia ormonale può avere effetti diversi sui vasi sanguigni se si è iniziato presto in menopausa in contrapposizione a tardi, i ricercatori hanno suggerito al Arteriosclerosi della American Heart Association, Trombosi e Biologia Vascolare Annual Conference 2008.

"Funzione endoteliale anormale è un marker di malattia cardiaca precoce. Abbiamo trovato che la funzione endoteliale è altrettanto buono, se non un po 'meglio, tra le donne che hanno fattori di rischio per le malattie cardiache e hanno preso la terapia ormonale intorno menopausa esordio come è tra le donne che sono circa gli stessi secoli, ma non hanno fattori di rischio per le malattie cardiache e non sono la terapia ormonale ", ha detto James Arrowood, MD, autore principale dello studio e professore associato di medicina interna e cardiologia presso la Virginia Commonwealth University Medical Center di Richmond, Va.

"Precedenti risultati in studi controllati e randomizzati suggeriscono che la terapia ormonale potrebbe essere deleterio per la salute cardiovascolare sono stati condotti in donne che hanno iniziato prendendo ormoni anni dopo la menopausa esordio contro studi osservazionali di donne che iniziano il trattamento ormonale tutto il tempo che la menopausa ha cominciato suggerendo beneficio cardiovascolare."

Condurre uno studio osservazionale, Arrowood e colleghi hanno analizzato quattro gruppi di donne in postmenopausa (totale 127), età media 52-54 Years:

Un gruppo non era in terapia ormonale, non aveva malattie cardiache fattori di rischio ed è stato in media 8,1 anni dopo la menopausa.

Un altro gruppo ha avuto fattori di rischio per la malattia coronarica (come il fumo, la pressione alta, colesterolo alto o il diabete), non era in terapia ormonale ed era in media 9,3 anni dopo la menopausa.

Due gruppi avevano fattori di rischio di malattia di cuore ed erano in terapia ormonale: uno era il solo estrogeno ed era una media di 11,7 anni in post-menopausa e l'altro era in estrogeno più progestinico terapia ed era in media 7,6 anni dopo la menopausa. Il gruppo di estrogeni era in media 10,1 anni di terapia ormonale e il gruppo di estrogeno più progestinico era una media di 6,6 anni di terapia ormonale.

"Gli anni che erano in post-menopausa e anni ormonale sostitutiva indicano che la terapia ormonale è stata avviata nel periodo della menopausa esordio", ha detto Arrowood.

I ricercatori flusso misurato mediata dilatazione (FMD), che è una misura di quanto bene l'endotelio (lo strato di cellule che formano il rivestimento interno dei vasi sanguigni) funzioni. Tenendo presente che maggiore è la percentuale migliore è la funzione endoteliale:

  • Il rischio no, nessun gruppo ormone misurato una media del 7,4 per cento l'afta epizootica.
  • Il gruppo non ormone con fattori di rischio misurato un 5 per cento di afta epizootica media.
  • Il gruppo di estrogeni con fattori di rischio misurato un 7,7 per cento di afta epizootica media.
  • Il gruppo di estrogeno-progestinici con fattori di rischio misurato un 8,1 per cento di afta epizootica media.

"In sostanza, i gruppi di terapia ormonale con fattori di rischio per le malattie cardiache avevano funzione endoteliale simile come il no-rischio, no-ormone gruppo di donne", ha detto Arrowood. "E avevano una migliore funzione endoteliale rispetto alle donne con fattori di rischio cardiovascolare che non erano in terapia ormonale. Abbiamo anche trovato che non sembra avere importanza per la misura della funzione dei vasi sanguigni se le donne stanno assumendo estrogeni o estrogeni e progestinici." Le donne che hanno subito un'isterectomia non hanno bisogno di prendere un progestinico con loro estrogeni, ma quelli con utero intatto fanno.

"I risultati di questo studio non suggeriscono che le donne che iniziano la menopausa dovrebbe iniziare la terapia ormonale. Le attuali linee guida dicono che le donne non devono assumere la terapia ormonale per migliorare il loro rischio cardiovascolare e che la terapia ormonale è raccomandata solo per i sintomi della menopausa e devono essere prese in dose più bassa e per il più breve tempo possibile. Altre rigorosi, randomizzati e controllati in corso studi che esaminano le donne in menopausa più giovani sulla terapia ormonale possono aiutare a chiarire i nostri risultati ".

L'American Heart Association non consigliare le donne prendono la terapia ormonale in menopausa (PHT, precedentemente chiamato terapia ormonale sostitutiva o HRT) o modulatori selettivi del recettore dell'estrogeno (SERM) per ridurre il rischio di malattia coronarica o ictus.

Lo studio è stato finanziato dalla American Heart Association - Virginia Affiliate (ora Mid-Atlantic Affiliato) e in parte da Centro Nazionale ed è stato sostenuto dal General Clinical Research Center presso la Virginia Commonwealth University.

Co-autori sono: Jonathan Potfay, M.D .; Cheryl Stacklin, B.S.N .; Rhonda P. Poole, R.D.C.S .; e Frances P. Fuà, M.D.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha