Terapia ormonale offre un potenziale effetto protettivo contro il cancro del colon nelle donne più anziane

Maggio 28, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In un ampio studio, una squadra nazionale di ricercatori guidato da scienziati della Mayo Clinic ha osservato che l'uso di auto-riferito della terapia ormonale è associata a un rischio di cancro del colon-retto significativamente più basso. Tuttavia, i meccanismi per l'associazione di protezione apparente sono ancora poco chiari.

Lo studio, presentato alla AACR 100 ° Meeting annuale 2009, è stato progettato per esaminare i possibili legami tra esposizione agli estrogeni e cancro del colon sottotipi molecolari, per determinare come questi ormoni possano funzionare come agenti anti-cancro.

"Nel nostro ampio studio prospettico, l'uso della terapia ormonale sembra essere utile per quanto riguarda la riduzione del rischio di cancro del colon-retto - le donne che hanno fatto uso di questi farmaci hanno avuto un 28 per cento il tasso di incidenza più bassa rispetto alle donne che non hanno utilizzato questi farmaci", dice lo studio del autore principale, David Limsui, MD, un borsista presso il Dipartimento di Gastroenterologia presso il campus di Mayo Clinic di Rochester, Minn. "Ma ancora non sappiamo come composti estrogeno lavorano nella prevenzione del cancro, che è intrigante."




Le donne che hanno riportato con altri preparati ormonali come i contraccettivi orali, non sembra derivare alcun beneficio di prevenzione del cancro del colon-retto. "Sulla base dei nostri risultati, abbiamo bisogno di continuare ad esplorare i percorsi di cancro che potrebbero essere interessati da questi ormoni," dice il Dott Limsui.

Egli aggiunge che altri studi hanno anche scoperto che la terapia ormonale protegge le donne in post-menopausa contro il cancro al colon. Il più grande studio clinico randomizzato è stato il 16.000 partecipante Initiative salute delle donne, che si è concluso nel 2004, che la terapia ormonale combinata (estrogeni e progestinici) ha ridotto il rischio di una donna di cancro del colon-retto di circa il 40 per cento, dice. "Ma pochi studi hanno approfondito più in profondità per vedere come questi ormoni funzionano a livello molecolare," dice il Dott Limsui.

Questa indagine fa parte del Iowa Health Study femminile, che ha arruolato 41.836 donne di età compresa tra 55-69, Iowa, nel 1986. Dopo le esclusioni, il gruppo di studio consisteva di 37.285 donne. In questo studio, i ricercatori hanno esaminato il tessuto tumorale da 553 pazienti affetti da cancro del colon-retto, in particolare alla ricerca di associazioni tra l'uso di ormoni auto-riferito e uno specifico modello di metilazione del DNA, chiamata CpG isola methylator fenotipo, o mutazioni del gene BRAF. Non sono state rilevate associazioni tra l'uso di ormoni e questi marcatori molecolari. Da segnalare, la squadra investigativa in precedenza riferito che alcune esposizioni ambientali, come il fumo di sigaretta, potrebbero aumentare il rischio di cancro del colon-retto attraverso percorsi di metilazione del DNA.

Lo studio è stato finanziato da una sovvenzione da parte del National Cancer Institute. I ricercatori della University of Iowa, l'Università del Minnesota, la University of Southern California di Los Angeles, la massonica Cancer Center di Minneapolis e il Fred Hutchinson Cancer Research Center hanno partecipato alla ricerca.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha