Terapie di combinazione peptide potrebbe offrire il trattamento del cancro più efficaci, meno tossici

Maggio 6, 2016 Admin Salute 0 10
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Due studi suggeriscono che due agenti peptidici utilizzati insieme o singolarmente, con una bassa dose di un farmaco chemioterapico standard potrebbe offrire la terapia del cancro più efficace rispetto agli attuali trattamenti singolo-droga standard.

Gli studi utilizzati modelli animali di cancro al seno per mostrare che le combinazioni peptide ritardare notevolmente l'insorgenza e la progressione tumorale sia da inibire la crescita del tumore e che bloccano la formazione di nuovi vasi sanguigni tumorali, dicono i ricercatori del Cancer Center dell'Ohio State University Comprehensive - Arthur G. James Cancer Hospital e Richard J. Solove Research Institute (OSUCCC - James). Inoltre, i trattamenti causato pochi effetti collaterali.

I risultati sono descritti in due articoli pubblicati online sulla rivista OncoImmunology. Il primo documento descrive come la vaccinazione con un peptide HER2 seguito da un trattamento con un inibitore VEGF peptide previene la formazione di tumori in un modello di tumore mammario trapiantabili. Il secondo documenti cartacei come sia HER2 peptide o VEGF trattamento peptide combinata con basse dosi di paclitaxel uccide efficacemente le cellule tumorali sia nel modello di tumore transplantable e un modello tumore mammario transgenico.




"Per il trattamento del cancro, terapie combinate sono molto più efficaci di terapie individuali, e peptidi in combinazione, sia da vaccinazione o come terapia, sembrano essere più sicuro, non tossico, e portandoci più vicini ad una cura," dice il ricercatore Dr. principio Pravin Kaumaya , direttore della divisione di sviluppo di vaccini al OSUCCC - James.

Kaumaya, che è un professore di ostetricia e ginecologia, della biochimica molecolare e cellulare, e di microbiologia presso l'Ohio State, ha guidato la ricerca che ha sviluppato gli agenti peptidici. I peptidi sono brevi catene di aminoacidi, e il peptide HER2 e VEGF peptide sono catene di aminoacidi corte che imitano full-length HER2 e VEGF molecole.

La molecola recettore HER2 è importante per controllare la crescita tumorale in molti tumori; la molecola del recettore VEGF controlla la formazione di nuovi vasi sanguigni che servono ad alimentare i tumori. Entrambe le molecole sono sovraespressi in molti tumori.

Nei nuovi studi, i ricercatori hanno esaminato se il vaccino peptidico e l'inibitore peptide hanno lavorato in modo più efficace in combinazione, e anche se potevano sinergizzare con un agente chemioterapico standard paclitaxel.

Il vaccino peptide HER2 viene iniettato nel corpo dove causa il sistema immunitario per generare anticorpi per il recettore HER2. Questi anticorpi si legano ai recettori HER2 sovraespressi sulle cellule tumorali, impedendo loro di stimolare la proliferazione delle cellule tumorali. Il peptide terapeutico VEGF si lega direttamente alla molecola del recettore VEGF, impedendole di dirigere la formazione di nuovi vasi sanguigni.

Nella prima carta, la squadra dimostra che i topi vaccinazione con il peptide HER2 prima le cellule tumorali mammarie aggressive vengono trapiantate nel topo può ritardare l'insorgenza dei tumori. Quando questo trattamento di vaccinazione è stato combinato con trattamenti settimanali del peptide VEGF, la crescita del tumore è stata significativamente ritardato. Negli animali dato il peptide VEGF, che è stato progettato per non abbattere nel corpo, il 40 percento degli animali non hanno sviluppato tumori affatto alla fine dell'esperimento.

In teoria, Kaumaya spiega, un tale vaccino peptide potrebbe prevenire il cancro al seno HER2-driven di sviluppare in una figlia che ha ereditato il rischio genetico per questo tipo di tumore da sua madre. "Potremmo vaccinare una persona che non ha il cancro e creare una memoria per HER2 nel suo sistema immunitario," dice. "Poi, quando un tumore inizia a crescere e sovra-esprimono HER2, sarebbe alzare il suo sistema immunitario a produrre anticorpi per chiudere il cancro giù". I risultati di questo studio suggeriscono che l'aggiunta di terapia peptide VEGF potrebbe fermare la progressione del tumore del tutto.

Il secondo documento pone basi per testare terapie peptidiche negli studi clinici. Questi esperimenti testato se il vaccino peptidico HER2 o terapia peptide VEGF potrebbero aumentare l'efficacia di paclitaxel, un farmaco chemioterapico standard quando il farmaco viene utilizzato a basse dosi di ridurre la sua tossicità.

"Sappiamo dal lavoro di altre persone che il trattamento di pazienti con un agente chemioterapico a basso dosaggio come paclitaxel innesca il sistema per essere più reattivo ad altri trattamenti mirati", dice Kaumaya. Infatti, il team ha dimostrato che entrambi i trattamenti peptide utilizzati singolarmente con paclitaxel ritardato la crescita tumorale e sviluppo e prodotto tassi di risposta migliori rispetto sia agente senza il farmaco in entrambi i modelli di cancro al seno di topo trapiantate e transgenici.

È importante sottolineare che, le terapie combinate non hanno mostrato effetti collaterali tossici. Al contrario, paclitaxel e l'attuale standard di terapia anti-HER2, trastuzumab, entrambi avevano effetti tossici sul cuore.

"Il nostro obiettivo è quello di trovare una cura, interferendo con i vari percorsi di cancro delle cellule con farmaci che non sono tossici," afferma Kaumaya.

Finanziamento da/Cancer Institute NIH Nazionale (concessione CA084356) sostenuto questa ricerca.

Altri ricercatori dell'Ohio State coinvolti nei due studi sono stati Kevin Foy, Megan Miller, Nicanor moldavo, Tatjana Bozanovic, e William E. Carson, III.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha