Test comune per rilevare problemi di fegato nei bambini è spesso interpretato in modo errato, spettacoli di studio

Maggio 3, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una nuova ricerca condotta da medico-scienziati della University of California, San Diego School of Medicine mostra che il test più comunemente usato per lo screening dei pazienti pediatrici per la malattia epatica cronica è spesso erroneamente interpretato negli ospedali di molti bambini in tutti gli Stati Uniti.

Il (ALT Screening Per Altitudine in gioventù di oggi) studio sulla sicurezza sarà pubblicato nel numero di aprile di Gastroenterologia.

Attualmente, lo screening per la malattia epatica cronica è più comunemente eseguita utilizzando alanina aminotransferease (ALT) di attività e ha lo scopo di determinare quali bambini:




  • hanno malattie epatiche associate con l'obesità
  • devono essere trattati se hanno l'epatite virale
  • prendere farmaci che danneggiano il loro fegato
  • non dovrebbe partecipare a studi clinici a causa dei loro fegati

Tuttavia, il valore di soglia ALT opportuno utilizzare per la rilevazione di malattie del fegato nei bambini è sconosciuta.

"Il nostro primo passo è stato quello di scoprire quale valore è stato utilizzato negli ospedali per bambini della nazione", ha detto Jeffrey Schwimmer, MD, professore associato di pediatria, UCSD School of Medicine e Direttore del Fatty Liver Clinic Hospital Rady bambini, San Diego. "Abbiamo trovato una gamma così ampia tra gli ospedali per i valori di ALT che non poteva essere biologicamente adeguato. Questo significa che un bambino identificato con malattia epatica in un ospedale sarebbe andato inosservato in un altro."

Queste variazioni non sono basate sulla biologia o macchina particolare utilizzato per il test in ospedale o in laboratorio, ma piuttosto le caratteristiche delle popolazioni utilizzati dai singoli laboratori per determinare i propri intervalli specifici.

Per trovare un metodo biologicamente corretta, Schwimmer e il suo team hanno sviluppato specifici sesso, a base biologia, soglie ALT pediatrici utilizzando i dati del Centers for Disease Control e la salute nazionale di prevenzione e Examination Survey. I ricercatori hanno valutato ALT in circa 1.000 i bambini che non avevano malattie epatiche o fattori di rischio rilevabili per esso. Sulla base di questo gruppo di bambini sani metabolicamente normali, il limite superiore del valore normale per ALT sarebbe fissato a 22 per femmine e 25 per i ragazzi. Questo è meno della metà di quello che viene utilizzato in ospedale tipiche dei bambini negli Stati Uniti.

Al fine di determinare quanto sia utile questi nuovi valori sarebbero per l'identificazione, quattro gruppi di bambini sono stati assemblati per ulteriori test - i bambini con fegati normali, con steatosi epatica non alcolica, con il virus dell'epatite B cronica, e con il virus dell'epatite C. Questi bambini sono stati usati per confrontare le nuove soglie basate biologicamente a quelli attualmente in uso negli ospedali acuti di cura dei bambini a livello nazionale. Sulla base dei valori correnti, solo un terzo alla metà dei bambini con malattia epatica cronica verrebbe rilevato. I nuovi valori dovrebbero migliorare il tasso di rilevamento 70 al 80 percento.

"Questi risultati sono importanti per più di 25 milioni di bambini negli Stati Uniti", ha detto Schwimmer. "Immaginate un pediatra che schermi un bambino per malattie del fegato in base a linee guida attuali, ma non sa che il bambino ha, perché il sistema di elettronica medica presso il laboratorio non di bandiera i risultati con un 'H' a causa di un valore di soglia corretto."

Allo stesso modo, i ricercatori che conducono studi clinici per lo sviluppo di nuovi farmaci si basano su ALT per escludere i bambini con malattia epatica, tipicamente quelli con ALT che è di tre volte superiore al normale. Se il valore di soglia è troppo alto, la strategia utilizzata da aziende farmaceutiche ingrandisce questo errore di un fattore tre che può creare problemi di sicurezza per alcuni bambini.

Nel tentativo di risolvere questo problema, i ricercatori propongono un piano triplice che comprende:

  • Riesame delle soglie di laboratorio utilizzati per i bambini
  • Modifica dei criteri di esclusione per le sperimentazioni cliniche per identificare correttamente i bambini con malattie epatiche
  • Incoraggiare i medici a considerare l'utilizzo di valori di soglia ottenuti dallo studio UCSD per identificare i bambini con possibile malattia del fegato

Collaboratori supplementari includono Winston Dunn, MD, UCSD Dipartimento di Medicina, Gregoy J. Norman, PhD, UCSD Dipartimento di Famiglia e Medicina Preventiva; Perrie E. Pardee, BS, UCSD Dipartimento di Pediatria; Michael S. Middleton, MD, PhD, e Claude B. Sirlin, MD, UCSD Dipartimento di Radiologia; Nanda Kerkar, MD, Monte Sanai School of Medicine, Dipartimenti di Pediatria e Chirurgia.

Questo studio è stato finanziato in parte da sovvenzioni dal National Institutes of Health, tra cui l'Istituto nazionale di diabete e Digestiva e Malattie renali, il San Diego EXPORT Center dal National Center for Minority salute e la salute disparità, il Centro nazionale per le risorse di ricerca per General Clinical Research Center presso UCSD e la ricerca lo sviluppo del Centro Malattie Digestive UCSD.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha