Test comune può essere inutile per i candidati di chirurgia bariatrica

Marzo 22, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un nuovo studio condotto da ricercatori del Rhode Island Hospital ha scoperto che lo stress test con imaging di perfusione miocardica come parte di un iter pre-operatorio per i candidati di chirurgia bariatrica può essere inutile.

La ricerca è pubblicata nel Journal of Nuclear Cardiology, ed è ora disponibile online in anticipo di stampa.

L'obesità è considerata un'epidemia negli Stati Uniti, con più di due terzi della popolazione adulta sovrappeso, e la metà di quelle adulti sono obesi. Grave obesità è considerata una malattia cronica a causa della sua potenziale di causare conseguenze gravi per la salute e potenzialmente letali. Mentre l'approccio migliore per il trattamento di obesità è ancora da determinare, la chirurgia bariatrica è stato trovato per essere sicuro ed efficace nel ridurre alcune delle complicazioni associate con l'obesità.




Per i candidati di chirurgia bariatrica, molti sono screening per le malattie cardiovascolari, prima di un intervento chirurgico per l'alta prevalenza di fattori di malattia coronarica (CAD) di rischio in questa popolazione, insieme alla presenza di limitazioni funzionali sottostanti, che può rendere la valutazione dei sintomi CAD difficile. Uno strumento comunemente usato per questo è stress test con imaging di perfusione miocardica (MPI). L'incidenza, però, di anomalie clinicamente significative individuate tramite MPI sollecitazioni eseguita per questa indicazione non è ancora stata stabilita.

Al fine di determinare se questo test è necessario e dovrebbe essere considerato una parte necessaria della chirurgia bariatrica workup, un James Arrighi, MD, un cardiologo con Rhode Island Hospital, ha condotto uno studio su 383 consecutivi studi MPI di stress effettuati su pazienti sottoposti workup preliminare alla chirurgia bariatrica pianificato. L'età media della popolazione è stata del 42, 83 per cento di sesso femminile e di un indice di massa corporea di 49 (+/- 8).

Arrighi e il suo team hanno riportato alcuni risultati importanti in questo studio. Innanzitutto, il 67 per cento dei pazienti sottoposti immagini solo stress, nonostante il fatto che i pazienti sovrappeso sono spesso difficili da immagine. Stress solo immagini riduce notevolmente il tempo necessario, l'esposizione a radiazioni, e il costo associato con il test. In secondo luogo, i risultati dello studio mostrano che l'incidenza di studi anormali MPI era bassa, e associata ad una bassa incidenza di morte o di eventi cardiaci in un anno di follow-up, con meno dell'1 per cento l'incidenza di morte per tutte le cause o incidenza di rivascolarizzazione coronarica, e non c'erano infarti del miocardio. In terzo luogo, gli eventi cardiovascolari perioperatorie erano estremamente bassi, nonostante l'alta prevalenza di fattori di rischio per la malattia coronarica.

Arrighi dice, "Nel complesso i risultati SPECT MPI erano normali in 89 per cento ed equivoci in sei per cento dei pazienti. L'incidenza di risultati anomali su MPI era solo il 5 per cento. Durante il test di stress in questa popolazione di pazienti è stata una pratica relativamente comune con buona causa , i risultati di questo studio suggeriscono che questi test non possono essere indicati in tutti i pazienti. "

E conclude: "I risultati del nostro studio suggeriscono che questa popolazione di pazienti è in realtà a bassissimo rischio di eventi cardiovascolari, e se questo è davvero il caso, lo stress pre-operatoria di routine test con MPI per la rilevazione di CAD può essere improbabile che possa influenzare il risultato . Sono necessari ulteriori studi, tuttavia, per stabilire come devono essere selezionati i pazienti ad alto rischio per la pre-operatoria di stratificazione del rischio non invasivo. "

Altri ricercatori coinvolti nello studio con Arrighi includono Brian G. Abbott, MD, G. Dean Roye, MD, David Harrington, MD, e compagni cardiologia Anthony Gemignani, MD e Stephan Mühlebach, MD, tutti Rhode Island Hospital e The Warren Alpert Medical School della Brown University.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha