Test per la deglutizione trattamenti di disturbo in fase di sviluppo

Aprile 17, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Degenerazione muscolare e confinamento di una sedia a rotelle sono le caratteristiche del morbo di Lou Gehrig, il Parkinson, la distrofia muscolare e le altre malattie neurodegenerative. Uno dei sintomi silenziosi, e più gravi, di queste malattie sta perdendo la capacità di deglutire. Ingoiare impairment, o disfagia, colpisce circa 500.000 persone ogni anno negli Stati Uniti, ma poco si sa circa il disordine e solo pochi, trattamenti comportamentali temporanee sono disponibili.

Ora, un ricercatore dell'Università del Missouri sta sviluppando un test che potrebbe aiutare a individuare le origini neurologiche o fisiologiche dei disturbi della deglutizione, portando a possibili trattamenti salva-vita.

"Un sacco di queste malattie attaccare gli arti, ma non muore perché gli arti non funzionano", ha dichiarato Teresa Leva, assistente professore presso il Dipartimento di Scienze della Comunicazione e disturbi alla Scuola MU di Professioni Sanitarie. "Anche se siamo in grado di offrire ai pazienti alimentazione tubi con tutte le sostanze nutritive di cui hanno bisogno, non esiste una cura per disturbi della deglutizione associati alle malattie neurodegenerative, e pazienti ancora muoiono presto. Sto cercando di determinare ciò che sta guidando la mortalità. Se si tratta di perdita di valore di deglutizione , abbiamo bisogno di sapere come le svalutazioni inizia e come potremmo trattare con successo, che poi sarebbe migliorare la durata e la qualità della vita dei pazienti. "




Leva cerca di determinare quali componenti del sistema nervoso che controllano deglutizione sono alterate in pazienti con malattie neurodegenerative. Per digerire, il cervello deve prima sentire il bisogno di deglutire, e allora deve attivare i muscoli giusti per completare il processo. Nel suo studio, si sta sviluppando una tecnica elettrofisiologica per l'utilizzo con i modelli murini di malattie neurologiche umane che vi mostrerà che vengono utilizzati regioni del cervello di deglutire e che sono corto circuito. Dopo aver trovato che le regioni del cervello non funzionano correttamente per ogni malattia, i trattamenti, come la terapia con cellule staminali, terapia genica o alcuni farmaci, potrebbero essere utilizzati per indirizzare quelle regioni. La prima malattia che si sta concentrando su è la malattia di Lou Gehrig, nota anche come sclerosi laterale amiotrofica o SLA.

"Invece di trattare un comportamento, sto cercando di determinare l'origine di tale comportamento", ha detto Lever. "La deglutizione è un riflesso -. A percepire la necessità di ingoiare e poi si dispone di una risposta muscolare Se troviamo che la componente sensoriale del riflesso della deglutizione è compromessa con la componente neuromuscolare, quindi molte di queste malattie neurologiche possono essere molto più complesso di quanto siamo stati portati a credere. Ci direbbe che la nostra valutazione e il trattamento di disturbi della deglutizione non dovrebbero concentrarsi solo sui muscoli e nervi che li stimolano, ma anche l'input sensoriale. Sarebbe veramente creare un cambiamento di paradigma nella ricerca, in particolare per la SLA che è classificata come una malattia del motoneurone. "

Leva ha recentemente ricevuto un 300.000 $ sovvenzione da parte del National Institutes of Health per lo studio. Ha detto che il test avrà inizio nel mese di luglio e si aspetta risultati sostanziali nei prossimi due o tre anni.

La ricerca di Lever è stato pubblicato sulla rivista disfagia.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha