Test sugli animali suggerisce estrogeni vegetali nella soia non aumentano il rischio di cancro al seno

Maggio 16, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

WINSTON-SALEM, NC - La ricerca in scimmie suggeriscono che una dieta ricca di pianta naturale estrogeni trova nella soia non aumenta il rischio di tumore al seno o all'utero nelle donne in postmenopausa.

"Questa è la prova convincente che a livelli alimentari, gli estrogeni trovati in soia non stimolano la crescita cellulare e di altri marcatori per il rischio di cancro", ha detto Charles E. Wood, DVM, ricercatore capo, da Wake Forest University Baptist Medical Center. "I risultati dovrebbero essere particolarmente interessante per le donne ad alto rischio di cancro al seno che prendono prodotti di soia."

La ricerca è riportato nel numero di The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.




Wood ha detto si è molto discusso se alti livelli di soia nella dieta sono sicuri per le donne in post-menopausa. Prodotti di soia sono venduti come alternativa naturale alla terapia ormonale tradizionale. La forma più comune di terapia ormonale, estrogeno più progestinico, ha dimostrato di aumentare il rischio di cancro al seno. Soia e alcune altre piante contengono composti simili agli estrogeni chiamati isoflavoni o fitoestrogeni.

Questi estrogeni vegetali sono migliaia di volte più deboli estrogeni prodotta dal corpo, ma possono essere presenti in concentrazioni molto più elevate nel sangue. Le prove per la loro sicurezza è stato mescolato. E 'noto che le popolazioni che in genere consumano diete ricche di soia hanno tassi più bassi di cancro al seno. D'altra parte, alcuni studi hanno dimostrato che gli isoflavoni di soia possono stimolare cellule di carcinoma mammario coltivate in laboratorio.

"Prove da studi osservazionali in donne indica che l'assunzione di soia può aiutare a prevenire il cancro al seno", ha detto Wood. "Ma non c'è ancora stata la riluttanza a condurre studi di ricerca nelle donne a causa di preoccupazioni che gli isoflavoni possono stimolare la crescita delle cellule del seno e aumentare il rischio di cancro al seno."

Legno e colleghi hanno misurato come marcatori per seno e rischio di cancro uterino in scimmie in postmenopausa una dieta ricca di soia isofllavones interessato. Le scimmie mangiato uno di tre diete per tre anni: soia che non contiene isoflavoni, soia con gli isoflavoni intatti, o soia senza isoflavoni, ma con Premarin o terapia estrogenica, aggiunte.

Il gruppo di isoflavone consumato l'equivalente umano di circa 129 milligrammi al giorno, più di maggior parte delle persone entrare in una dieta ricca di soia.

I ricercatori hanno misurato la densità del seno, il numero di cellule in divisione al seno e all'utero, ed i livelli di estrogeni prodotti dal corpo - tutti i marcatori di rischio di cancro. Scimmie sulla soia più estrogeni dieta avevano aumentato i livelli di tutti i marcatori, mentre le scimmie che mangiavano soia con isoflavoni non hanno fatto.

Infatti, le scimmie alimentazione soia con isoflavoni avevano livelli più bassi di estrogeni prodotti dal corpo. Alti livelli di questo estrogeno sono considerati un importante predittore di rischio di cancro al seno nelle donne in postmenopausa.

"Questi risultati suggeriscono che i livelli elevati di alimentari isoflavoni di soia non aumentano i marcatori per il seno e rischio di cancro uterino in scimmie in post-menopausa e possono contribuire ad un profilo di estrogeno associato a ridotto rischio di cancro al seno", ha detto i ricercatori.

Legno detto che è importante notare che la ricerca indirizzata effetti degli estrogeni vegetali sul tessuto mammario normale, e non nel cancro al seno.

"Una grande domanda senza risposta è se sia sicuro per i sopravvissuti al cancro al seno a rivolgersi a soia," ha detto.

I ricercatori non sono certo come estrogeni vegetali e gli estrogeni prodotti dal corpo, o data in pillole, agiscono insieme. Una teoria è che la pianta estrogeni legano alle cellule che hanno recettori degli estrogeni, come il tessuto del seno, e bloccare gli effetti degli altri tipi di estrogeni. Gli isoflavoni possono anche contribuire a ridurre la quantità di estrogeni attivo nel corpo.

Per studiare queste idee, Legno e colleghi stanno attualmente esaminando se la soia può bloccare la proliferazione delle cellule del seno indotta dalla terapia estrogenica.

Altri ricercatori coinvolti nello studio includeva J. Mark Cline, Ph.D., DVM, Mary S. Antonio, Ph.D., Thomas C. Register, Ph.D., e Nancy D. Kock, Ph.D., DVM , il tutto da Wake Forest Baptist.

La ricerca è stata finanziata da sovvenzioni dal National Institutes of Health.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha