Topi transgenici Research Aid Into Cancer Deadly

Aprile 3, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli scienziati saranno meglio in grado di combattere il linfoma di Burkitt, un tumore raro ma mortale che attacca i bambini ei malati di AIDS, ora che hanno raggiunto un obiettivo decennale di topi geneticamente ingegneria a sviluppare la malattia. Questi topi transgenici sono nuove e potenti ricercatori strumento utilizzeranno per capire le componenti molecolari e genetiche di questo cancro.

I precedenti tentativi di ingegnere come "topi di Burkitt" fallito, ma un team di scienziati del National Institutes of Health (NIH), infine, si avvicinò con il mix genetico destra. "Abbiamo in effetti creato un 'mini-gene' che riproduce il cancro, come si verifica nelle persone", spiega Herbert C. Morse III, MD, capo del laboratorio di immunopatologia presso l'Istituto Nazionale di allergie e malattie infettive (NIAID). I risultati di questo lavoro, sostenuto dalla NIAID e il National Cancer Institute (NCI), sono dettagliati in questo numero del Journal of Experimental Medicine.

"Questo nuovo modello animale può consentire ai ricercatori di trovare il modo di trattare i pazienti di Burkitt che non rispondono al trattamento standard," dice il Dott Morse. "Sarà anche aiutarci a capire perché le cellule 'vanno male' a causare questo tumore maligno." Gli scienziati ancora non sanno tutti i fattori che contribuiscono al linfoma di Burkitt in persone, pur avendo creato topi di Burkitt.




Gli scienziati sanno che il linfoma di Burkitt si pone nel sistema immunitario, e che le basi per il cancro è prevista quando un gene chiamato MYC (pronunciato "mick") viene accidentalmente spostato dal suo solito posto sul cromosoma 8 in una nuova posizione, spesso sul cromosoma 14. Normalmente, il gene MYC, che stimola la crescita delle cellule, è strettamente controllato da geni regolatori vicine sul cromosoma 8. Ma quando MYC scivola via a un cromosoma diverso, elude anche i suoi controlli. Sotto la supervisione perdente di geni regolatori che governano il sistema immunitario, MYC "va strappa fuori controllo," il Dott Morse spiega, causando la crescita galoppante delle cellule B del sistema immunitario, che a sua volta porta a tumori chiamati linfomi.

Ma gli scienziati hanno ancora molto da imparare su come altre mutazioni genetiche, fattori ambientali e agenti infettivi, come il virus di Epstein-Barr, lavorare insieme per causare il linfoma di Burkitt. In realtà, studiando i topi del Burkitt può portare a una nuova comprensione sul perché alcune persone sono predisposti al linfoma di Burkitt, mentre altre persone sono predisposti ad altri tipi di tumori, afferma Siegfried Janz, MD, del NCI. "L'unico modo per scoprirlo è quello di investire in ricerca di base modelli murini di cancro", sostiene. I medici possono anche utilizzare un tale modello di topo per testare nuovi trattamenti, aggiunge.

Il raggiungimento del mouse di un Burkitt non sarebbe stato possibile senza il lavoro precedente fatto da altri scienziati NIAID, note Morse, soprattutto Janet Hartley, Ph.D., e Torgny Frederickson, Ph.D., che hanno speso anni esaminando linfomi nei topi. Il successo deve molto anche a Collaboratore George Bornkamm, MD, e il suo team presso l'Istituto di Clinica Biologia e Genetica Molecolare tumorali a Monaco di Baviera, in Germania.

Linfoma di Burkitt è stato identificato nel 1958 da Dennis Burkitt, un chirurgo inglese in Africa che ha notato che tra i bambini lì. I conti malattia per oltre la metà di tutti i tumori infantili in Africa, dove colpisce circa due su 100.000 bambini ogni anno. Incidenza nei paesi occidentali è molto più basso, ma è in aumento con la diffusione dell'AIDS, dal momento che il cancro colpisce anche gli adulti con un sistema immunitario compromesso.

NIAID è un componente del NIH. NIAID supporta la ricerca di base e per prevenire, diagnosticare e trattare le malattie infettive e immunomediate, compreso l'HIV/AIDS e altre malattie sessualmente trasmissibili, la tubercolosi, la malaria, malattie autoimmuni, asma e allergie applicata.

###

Riferimento: S Janz, HC Morse III, et al. Linfoma di Burkitt nel topo. Journal of Experimental Medicine 92 (8): 1183-1190 (2000).

Comunicati stampa, schede tecniche e altre NIAID materiali sono disponibili sul sito Web all'indirizzo NIAID http://www.niaid.nih.gov.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha