Trans Fat Leads To Weight Gain Anche sullo stesso Calorie totali, di studio animale mostra

Giugno 12, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La forma del corpo "mela", che aumenta il rischio di diabete e malattie cardiache possono essere accelerato da mangiare grassi trans, come olio vegetale parzialmente idrogenato, secondo una nuova ricerca animale alla Wake Forest University School of Medicine.

"Le diete ricche di grassi trans causa una ridistribuzione del tessuto adiposo nell'addome e portare a un peso corporeo più elevato anche quando il totale delle calorie nella dieta sono controllati", ha detto Lawrence L. Rudel, Ph.D., professore di patologia e biochimica e la testa del Programma di Ricerca di Scienze lipidi.

«Quello che dice è che il grasso trans è peggio del previsto", ha detto Rudel. "Sono rimasto sorpreso."




Secondo la US Food and Drug Administration (FDA), il consumo di grassi saturi, grassi trans e colesterolo dietetico alza lipoproteine ​​a bassa densità (LDL), o colesterolo "cattivo", i livelli, che aumenta il rischio di malattia coronarica.

Kylie Kavanagh, DVM, ha presentato oggi i risultati al 66 ° Annual Scientific Sessions dell'American Diabetes Association a Washington, DC ha detto che più di sei anni, le scimmie di sesso maschile alimentati con una dieta di tipo occidentale che contiene grassi trans ha avuto un aumento del 7,2 per cento nel corpo peso, rispetto ad un aumento del 1,8 per cento nelle scimmie che mangiavano grassi, come l'olio d'oliva monoinsaturi.

Tutto quel peso in più è andato a l'addome, e qualche altro grasso corporeo si è ridistribuito all'addome. La tomografia computerizzata (TC) hanno dimostrato che le scimmie sulla dieta contenente grassi trans hanno avuto il grasso addominale più drasticamente rispetto alle scimmie sulla grassi monoinsaturi. "Abbiamo misurato il volume del grasso con CT", Kavanagh, ha detto. "Hanno depositato il 30 per cento più grasso nel loro addome."

Le scimmie tutti hanno avuto la stessa quantità di calorie giornaliere, con il 35 per cento delle calorie provenienti da grassi. La quantità di calorie hanno ottenuto solo dovrebbe essere sufficiente a mantenere il loro peso, non aumentarlo, Rudel detto. "Abbiamo creduto che non potevano ottenere obesi perché non abbiamo dato loro abbastanza calorie per ottenere il grasso."

Un gruppo di scimmie ha ottenuto l'8 per cento delle loro calorie da grassi trans, mentre l'altro gruppo ha ricevuto quelle calorie come grassi monoinsaturi. I ricercatori hanno detto che questa quantità di grassi trans è paragonabile a persone che mangiano un sacco di cibo fritto.

"Concludiamo che nelle diete equivalenti, il consumo di acidi grassi trans aumenta il guadagno di peso", ha detto Kavanagh.

Durante l'intero corso dello studio, vi era una piccola ma significativa differenza di peso tra i due gruppi. "Nel mondo del diabete, tutti sanno che solo il 5 per cento di perdita di peso fa un'enorme differenza", ha detto Kavanagh. "Questa piccola differenza era biologicamente molto significativo."

Rudel ha detto: "Lo studio è stato finanziato in particolare a guardare il ruolo degli acidi grassi trans di aterosclerosi."

Egli ha detto che al momento ha ottenuto una borsa di studio dal National Heart, Lung e Blood Institute, non c'era molta evidenza in letteratura e non modelli animali che hanno documentato i rischi di grassi trans, anche se non ci sono dati che dimostrano che era un fattore di rischio per l'aterosclerosi.

Kavanagh ha detto che la lunghezza di sei anni dello studio era pari a 20 anni di persone.

Secondo la FDA, grassi trans si trova in accorciamenti vegetali, alcune margarine, cracker, biscotti, snack e altri cibi fatti con o fritti in oli parzialmente idrogenati. A differenza di altri grassi, la maggior parte dei grassi trans si forma quando i produttori alimentari si trasformano oli liquidi in grassi solidi come accorciamento e duro margarina con l'aggiunta di idrogeno.

Dal 1 gennaio, l'FDA ha richiesto la quantità di grassi trans per essere elencati nel pannello di fatti di nutrizione in tutti gli alimenti. Ma il settore della ristorazione è esente.

Altri ricercatori sul rapporto American Diabetes Society includono Janice D. Wagner, Ph.D., DVM, John Jeffrey Carr, MD, Kate Jones, BS, Janet Sawyer, MS, e Kathryn Kelly., BS, il tutto da Wake Forest University Scuola di Medicina.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha