Trapianto di neuroni dopaminergici di cellule staminali derivate da mostra la promessa per il morbo di Parkinson

Marzo 18, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La malattia di Parkinson è un disturbo del movimento incurabile che colpisce milioni di persone in tutto il mondo, ma attuali opzioni di trattamento può causare gravi effetti collaterali e perdere efficacia nel tempo. In uno studio pubblicato da Cell Press 6 novembre in Cell Stem Cell, i ricercatori hanno dimostrato che il trapianto di neuroni derivati ​​da cellule staminali embrionali umane (hESC) può ripristinare la funzione motoria in un modello murino della malattia di Parkinson, aprendo la strada per l'uso di sostituzione delle cellule La terapia in studi clinici.

"Il nostro studio rappresenta una tappa importante nella valutazione preclinica di neuroni dopaminergici hESC-derivati ​​e fornisce il supporto essenziale per la loro utilità nel trattamento del morbo di Parkinson," dice l'autore senior studio Malin Parmar di Lund University.

Morbo di Parkinson è causata, in parte, dalla morte di neuroni che rilasciano una sostanza chimica cerebrale chiamata dopamina, che porta alla perdita progressiva di controllo sulla destrezza e la velocità di movimento. Attualmente le opzioni di droga e di trattamento chirurgico disponibili possono perdere efficacia nel tempo e causare gravi effetti collaterali come movimenti involontari e problemi psichiatrici. Nel frattempo, un altro approccio che coinvolge il trapianto di cellule fetali umane ha prodotto duraturo benefici clinici; Tuttavia, gli effetti positivi sono stati osservati solo in alcuni individui e possono anche causare movimenti involontari azionati da dell'innesto stesso. Inoltre, l'uso di tessuti da feti umani abortiti presenta problemi logistici come la limitata disponibilità di cellule, ostacolando la traduzione effettiva del trapianto di tessuto fetale come opzione terapeutica realistica.




Per valutare con rigore un approccio terapeutico alternativo basato hESC-, Parmar e autore principale dello studio Shane Grealish della Lund University trapiantate hESC derivati ​​da neuroni dopaminergici in regioni cerebrali che controllano il movimento in un modello murino della malattia di Parkinson. Le cellule trapiantate sopravvissuti alla procedura, ripristinati i livelli di dopamina tornare alla normalità entro cinque mesi, e ha stabilito il corretto modello di connessioni a lunga distanza nel cervello. Come risultato, questa terapia ripristinato normale funzione motoria negli animali. È importante sottolineare che i neuroni hESC-derivati ​​mostrano l'efficacia e potenza simile ai neuroni fetali quando trapiantato nel modello di ratto della malattia di Parkinson, il che suggerisce che l'approccio basato hESC-può essere una valida alternativa agli approcci già instaurati con cellule fetali in Parkinson pazienti.

In un articolo correlato Forum pubblicato nello stesso numero, Roger Barker dell'ospedale di Addenbrooke e l'Università di Cambridge disposti la tabella di marcia per l'adozione di neuroni dopaminergici cellule staminali derivate alla clinica per il trattamento del morbo di Parkinson. "Si tratta di capire la storia di tutto il campo delle terapie a base di cellule per il morbo di Parkinson e alcuni degli errori che si sono verificati", dice. "Si richiede inoltre la conoscenza di ciò che il prodotto finale dovrebbe essere simile e la necessità di arrivare in modo collaborativo, senza essere tentati di prendere scorciatoie, perché uno studio clinico precoce potrebbe avere un impatto negativo su tutto il campo della medicina rigenerativa."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha