Trasportatori può aiutare a ritardare il diabete-correlati danni alla retina

Maggio 5, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Due trasportatori che forniscono fonti energetiche alternative per l'occhio può aiutare a ritardare danni alla retina che possono verificarsi nel diabete, dicono i ricercatori.

I trasportatori, SMCT1 e SMCT2, possono aggirare protettiva barriera emato-retinica dell'occhio, fornendo corpi fonti energetiche lattato e chetoni ad un occhio sano, dice il Dr. Pamela Martin, biochimico presso il Medical College of Georgia.

Nel diabete, caratterizzata da un sacco di glucosio, ma l'incapacità delle cellule di usarla, la retina può rivolgersi a quelle fonti alternative per la sopravvivenza.




"Il glucosio è la tua fonte di energia primaria", afferma Dr Martin. "Ma nel diabete, la retina subisce un sacco di stress, non c'è danno ossidativo e un sacco di altre cose in corso. Questi trasportatori, crediamo, può essere determinante nel portare in substrati addizionali che le cellule possono utilizzare per l'energia per cercare di prevenire la morte. "

La retinopatia diabetica, la principale causa di cecità negli adulti in età lavorativa, provoca la morte dei neuroni della retina, almeno in parte, perché la disponibilità di glucosio è compromesso da questo tessuto ad alta energia che consumano, dice il dottor Martin.

Lei sospetta i due trasportatori lavorare di più nel diabete di aumentare i livelli di lattato e corpi chetoni, che possono aiutare a spiegare perché l'impatto del diabete 'sugli occhi può andare non diagnosticata per anni. "Penso che quello che mi affascina così tanto l'occhio è possibile avere il diabete per più di 20 anni prima di voi o il vostro medico rendersi conto che ha una retinopatia diabetica," dice il Dott Martin.

Capire come questi trasportatori funzionano normalmente e nel diabete può consentire una diagnosi precoce della retinopatia diabetica e meccanismi di erogazione naturali per i farmaci per fermarlo.

Dr. Martin è stato un borsista postdottorato nel laboratorio del Dr. Vadivel Ganapathy, presidente del Dipartimento MCG di Biochimica e Biologia Molecolare, che prima clonato i trasportatori SMCT1 e SMCT2, prima che si è unita alla facoltà nel 2005. Era il primo autore su una carta pubblicato quest'anno in Investigative Ophthalmology e Visual Science che ha mostrato la presenza dei trasportatori nella retina.

Ora è uno dei quattro ricercatori a livello nazionale per ricevere un Pathway to Independence Award per i nuovi ricercatori del National Eye Institute che aiuteranno a chiarire la sua attività di questi trasportatori in stati sani e malati.

Corpi lattato e chetonici sono sostanze chiamate monocarboxylates e in precedenza non vi era alcuna prova che i trasportatori che in genere tirano queste sostanze in giro sono elevati nel diabete. Ma questi trasportatori monocarbossilato o MCT, sono più passivi rispetto alla recente scoperta, sodio-accoppiati SMCT1 e SMCT2 che sono "spinto", in grado di andare contro il gradiente di concentrazione e cambiare substrati, come lattato, dalle basse alle alte concentrazioni all'interno delle cellule , dice il dottor Martin.

"Se si dispone di questi trasportatori, possono trasportare questi substrati nella retina e, auspicabilmente, prevenire alcuni dei danni delle cellule neuronali che si verifica", afferma Dr Martin.

Un veicolo aggressivo è necessaria in quanto, come il cervello, la retina ha una barriera naturale per prevenire molte sostanze nel sangue di raggiungere l'occhio.

Il ricercatore MCG ha mostrato SMCT1 è espressa nei neuroni retinici e dell'epitelio pigmentato retinico, uno degli strati posteriori della retina multistrato che è importante in termini di trasporto di cose buone e rifiuti prodotti fuori. SMCT2 è espressa prevalentemente in cellule retiniche Mьller supporto.

Una delle tante domande che vuole rispondere è se essi svolgono ruoli diversi in questi diversi tipi di cellule.

Sta utilizzando due modelli di mouse diabetici, quella che si sviluppa il diabete di tipo 1 in circa tre settimane, che è paragonabile ai bambini in via di sviluppo la malattia nei loro primi anni di vita. Il secondo è un mouse che fa diabetica, così lei si conoscere il momento preciso accade.

Lei ti guarda l'espressione, l'attività e la funzione di questi trasportatori in entrambi i modelli ed è ottimista lei trovarli utile per i diabetici.

"Il danno si verifica ancora, la gente ancora andare cieco dalla retinopatia diabetica, ma può ritardare," dice il Dott Martin. "Ma se siamo riusciti a trovare alcuni agenti farmacologici che potrebbero trasportare negli occhi e salvarlo?"

Dr. Ganapathy, che è il mentore di Dr. Martin per la concessione NIH, sta anche lavorando a SMCT1 e il suo ruolo nel colon dove la sua evidenza sperimentale indica che ha un ruolo di tumore-soppressiva. Nel colon, SMCT1 trasporta gli acidi grassi a catena corta, quali butirrato, che è generato dalla fermentazione batterica di fibra alimentare. Il trasportatore viene tacitato nel tumore del colon, ma quando le cellule tumorali del colon sono costretti a esprimerla, muoiono in presenza di butirrato.

"I batteri normali presenti nel nostro colon stanno facendo un sacco di cose buone a beneficio di noi," dice il Dott Ganapathy. "Questi risultati possono spiegare la conoscenza antica che l'assunzione di fibra è protettivo contro il cancro al colon."

Dr. Martin è laureato alla Scuola di Dottorato MCG 2003.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha