Trattamento del cancro: studio Prima Fase III di un alfa-farmaceutico mostra risultati promettenti

Aprile 15, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Fino a poco tempo, le opzioni per i pazienti con metastasi ossee da tumore avanzato della prostata sono stati molto limitati. Ma ora il primo studio di Fase III di un alfa-farmaceutico in questi pazienti ha dimostrato che può prolungare la sopravvivenza in modo significativo, secondo la ricerca riportata 23 settembre presso l'europeo 2011 Multidisciplinary Cancer Congress.

Dr. Chris Parker, consulente oncologo clinico presso il Royal Marsden Hospital di Londra, Regno Unito, ha detto al Congresso che lo studio internazionale di fase III ALSYMPCA del Radium-223 farmaci Chloride (Alpharadin TM) in 922 pazienti con cancro alla prostata che erano resistenti al trattamento ormonale e avevano metastasi ossee, erano stati fermati presto una volta un'analisi ad interim del comitato di sorveglianza dei dati Independent (IDMC) nel giugno 2011 aveva rivelato che i pazienti che ricevono il miglior trattamento standard più radio-223 vivevano più a lungo rispetto a quelli che ricevevano lo stesso trattamento standard più placebo. L'hazard ratio era 0,695, (p = 0,00185), il che significa che i pazienti che assumono il radio-223 avevano un tasso inferiore del 30% di morte rispetto ai pazienti trattati con placebo. La sopravvivenza generale mediana per i pazienti che assumono il radio-223 è risultato essere di 14 mesi, rispetto ai 11,2 mesi nel gruppo placebo. "Sarebbe stato etico non offrire il trattamento attivo di quelli trattati con placebo," ha detto il dottor Parker.

Alpha-farmaceutica lavoro fornendo minuto, molto carico e dosi di radiazioni dannose per un tumore secondario (metastasi) nell'osso mirato. Il radio è simile al calcio in quanto si attacca alle ossa, ed in particolare dove si forma nuovo osso, quindi è un modo molto efficace per fornire radiazione ad un bersaglio. "Ci vuole una sola particella alfa per uccidere una cellula", ha spiegato il dottor Parker, "e danno collaterale è ridotto al minimo perché le particelle hanno una gamma così piccolo -. Pochi milionesimi di metro (micrometri) Quindi possiamo essere certi che il danno è stato fatto dove dovrebbe essere, per la metastasi, e molto limitato altrove. "




I ricercatori hanno scelto di studiare il farmaco in pazienti con cancro della prostata a causa della sua elevata tendenza a metastatizzare all'osso. Circa il 90% di tutti gli uomini con cancro alla prostata si svilupperà metastasi ossee in fase avanzata, e in molti casi non ci sono metastasi rilevabili in altre parti del corpo. Il profilo di sicurezza di radio-223 è risultato essere molto favorevole, dicono i ricercatori.

"Rispetto alla chemioterapia, che colpisce tutti i tessuti del corpo, radio-223 è altamente mirato alle metastasi ossee, e ha un profilo di sicurezza completamente diverso", ha detto il dottor Parker.

Gli effetti collaterali con radio-223 sono minori. Può causare nausea e occasionali di diarrea, e c'è un piccolo effetto sul midollo osseo. "Anche se non è mai stato rigorosamente rispetto alla chemioterapia, dall'osservazione pazienti nella clinica, è chiaro che i pazienti tollerano molto meglio di quanto non facciano la chemioterapia", ha detto il dottor Parker.

I ricercatori ora intendono presentare i dati per l'approvazione regolamentare. "Mi auguro che le autorità approveranno il radio-223 come trattamento per le metastasi ossee nel cancro della prostata avanzato presto", ha detto il dottor Parker. "Questo è un cancro comune, - il killer del cancro secondo più comune negli uomini nel Regno Unito -. E quindi è un grosso carico di malattia abbiamo urgente bisogno trattamento efficace per esso.

"Non ho alcun dubbio che ci saranno ulteriori prove guardando una combinazione di radio-223 con altri farmaci che sono attualmente utilizzati nel cancro alla prostata, e che ci saranno anche gli studi che utilizzano radio in precedenza nella malattia. In particolare, la nostra ricerca è stato limitato a quegli uomini che non andavano a ricevere la chemioterapia per il cancro alla prostata. Sarebbe interessante utilizzare cloruro di radio-223 prima della chemioterapia, in quanto potrebbe essere ancora più efficace in quel contesto.

"Inoltre, il farmaco potrebbe essere utilizzato in molti altri tipi di tumori che metastatizzano alle ossa, indipendentemente dal sito primario. Crediamo che il nostro studio possa aver aperto la strada a miglioramenti nella sopravvivenza per molti malati di cancro", ha concluso.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha