Trattamento di ADHD associato a tassi più bassi fumatori

Giugno 21, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Trattamento del disturbo da deficit di attenzione (ADHD) con farmaci stimolanti può ridurre il rischio di fumare, soprattutto quando il farmaco viene preso in modo coerente, secondo un'analisi condotta da ricercatori della Duke Medicine.

I risultati appaiono in linea 12 maggio 2014, sulla rivista Pediatrics.

"Dato che gli individui con ADHD hanno maggiori probabilità di fumare, il nostro studio sostiene l'uso del trattamento stimolante per ridurre la probabilità di fumare in gioventù con ADHD", ha detto l'autore senior Scott Kollins, Ph.D., professore di psichiatria e scienze comportamentali e direttore del Programma ADHD Duca. "Il rischio è ulteriormente abbassata quando l'aderenza al trattamento farmaco è coerente, presumibilmente perché questo aumenta le probabilità che i sintomi sono gestiti in modo efficace."




ADHD è un disturbo infantile comune che può continuare attraverso l'adolescenza e l'età adulta, ed è caratterizzato da iperattività, difficoltà di attenzione e impulsività. È più comunemente trattati con farmaci stimolanti (come Vyvanse o Concerta), nonché con la terapia comportamento o una combinazione dei due.

Gli individui con il fumo ADHD a tassi significativamente più elevati rispetto alla popolazione generale, e spesso iniziano prima. Studi hanno dimostrato che i giovani con ADHD sono due a tre volte più probabilità di fumare sigarette rispetto ai loro coetanei, e il 40 per cento degli adulti con ADHD fumo regolarmente, più del doppio del tasso tra gli adulti senza ADHD.

La ricerca su come i farmaci stimolanti influenzare i comportamenti fumatori in soggetti con ADHD ha portato a risultati contrastanti. Alcuni studi suggeriscono un aumento del fumo tra quelli trattati con farmaci stimolanti, mentre altri non hanno mostrato alcun effetto o una diminuzione di fumare.

"La nicotina agisce sugli stessi percorsi nel cervello come farmaci stimolanti, e il rapporto tra stimolanti e il fumo è stato controverso," ha detto l'autore Erin Schoenfelder, Ph.D., socio clinico e uno psicologo nella ADHD Programma Duca.

"E 'stato suggerito che alcune persone con ADHD' automedicazione 'loro deficit di attenzione con nicotina", ha detto Schoenfelder. "I nostri risultati mostrano che il trattamento di ADHD efficacemente con i farmaci può impedire ai giovani di far salire l'abitudine."

I ricercatori hanno esaminato 14 studi longitudinali di fumo di sigaretta e il trattamento di ADHD, tra cui un totale di 2.360 individui con ADHD, rendendo questo il più grande meta-analisi sulla questione fino ad oggi.

Alcuni degli studi hanno utilizzato dipendenza da nicotina per misurare i comportamenti fumatori, anche se la dipendenza da nicotina non può essere trovato in adolescenti che di recente iniziato a fumare. Al fine di acquisire un quadro preciso di comportamenti fumatori, i ricercatori hanno ampliato i loro criteri di là di dipendenza dalla nicotina per includere la frequenza di fumare e se i partecipanti attualmente fumato.

L'analisi ha rivelato una significativa associazione tra il trattamento stimolante e tassi più bassi di fumare. L'effetto era più grande in quelli con più grave ADHD e quando i partecipanti ha preso farmaci stimolanti continuamente.

I ricercatori hanno notato che in base al disegno dello studio, sono stati in grado di identificare una associazione, ma non una relazione causale tra la riduzione del rischio di fumare e il trattamento stimolante. Ulteriori studi sono necessari per determinare i tempi e la durata del trattamento stimolante raccomandato per aiutare più basso rischio di fumare.

"Questo studio può sfatare la percezione che gli stimolanti potranno aumentare il rischio per il fumo", ha detto Kollins. "Ci dà più fiducia quando si parla con i genitori per rassicurarli che il trattamento dell'ADHD coerente non aumenta il rischio dei loro figli di fumare, e di fatto, può realmente fare il contrario."

"La mia speranza è che questa ricerca può aiutare a informare i nostri sforzi per prevenire conseguenze negative per i bambini con ADHD, tra cui il fumo di sigaretta", ha detto Schoenfelder. "Questa popolazione non è stato preso di mira per gli sforzi di prevenzione del fumo, nonostante il collegamento noto tra ADHD e il fumo."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha