Trauma cranico in veterani può aumentare il rischio di demenza

Giugno 2, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Veterani più anziani che hanno sperimentato una lesione cerebrale traumatica (TBI) sono il 60 per cento più probabilità di sviluppare successivamente demenza rispetto veterani senza TBI, secondo uno studio pubblicato nel 25 giugno 2014, il rilascio on line del Neurology, la rivista medica della American Academy of Neurology.

Dallo studio è emerso anche che i veterani con una storia di trauma cranico hanno sviluppato demenza circa due anni prima rispetto a quelli senza TBI che avevano sviluppato demenza.

"Questi risultati suggeriscono che una storia di TBI contribuisce rischio di demenza in età avanzata in veterani. Se assumiamo che questo rapporto sia causale, sembra probabile che lo stesso rischio aumentato probabilmente si verifica con TBI nella popolazione civile, come pure", ha detto lo studio autore Deborah E. Barnes, PhD, MPH, della University of California, San Francisco e San Francisco Veterans Affairs Medical Center e membro della American Academy of Neurology.




Lo studio ha coinvolto 188.784 veterani con un'età media di 68 all'inizio dello studio. Tutti erano liberi di demenza all'inizio dello studio e aveva almeno una visita ad una VA struttura sanitaria all'inizio dello studio e di nuovo una media di sette anni più tardi.

Un totale di 1.229 dei veterani ha avuto una diagnosi TBI. Durante il periodo di follow-up, 196 veterani con TBI, o 16 per cento, la demenza sviluppato, rispetto a 18.255, ovvero il 10 per cento di quelli senza TBI. Dopo aggiustamento per altri fattori che potrebbero influenzare il rischio di demenza, come il diabete, pressione alta, depressione e l'abuso di alcool, i ricercatori hanno determinato che i veterani con TBI sono stati il ​​60 per cento più probabilità di sviluppare demenza rispetto a quelli senza TBI.

In media, i veterani con TBI hanno sviluppato demenza due anni prima rispetto a quelli senza TBI, o 78,5 anni rispetto ai 80,7. Inoltre, coloro che non hanno sviluppato demenza morto 2,3 anni prima se avessero un TBI rispetto a no TBI (77,0 anni contro 79,3 anni). I ricercatori hanno anche scoperto che il rischio di demenza era maggiore nei veterani con TBI che avevano anche depressione, disturbo da stress post-traumatico o malattia cerebrovascolare che in quelli con entrambi i TBI o da soli queste altre condizioni.

"Questo studio dimostra in modo convincente che il trauma lieve ha un ruolo nell'aumentare il rischio di demenza e mette in luce il più complesso rapporto tra le malattie mediche e psichiatriche con TBI nello sviluppo del futuro rischio di demenze. Neuroscienziati devono adottare un approccio attento e completo ed evitare affermazioni semplicistiche di causalità ", ha detto Rodolfo Savica, MD, MSc, della University of Utah School of Medicine a Salt Lake City, e membro della American Academy of Neurology, che ha scritto un editoriale che accompagna lo studio.

Lo studio è stato sostenuto dal Dipartimento della Difesa statunitense/NCIRE e il National Institutes of Health.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha