Trovare Way Paves per un migliore trattamento di malattia autoimmune

Marzo 22, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La capacità di fare facilmente un gran numero di queste cellule si apre la porta a una migliore trattamento e una migliore comprensione delle malattie autoimmuni come il diabete di tipo 1 e l'artrite, Medical College of Georgia ricercatori dicono.

Le cellule T sono componenti del sistema immunitario progettato per attaccare invasori come batteri e virus; cellule T regolatorie sono un piccolo sottoinsieme che impedisce alle cellule di anche attaccare i tessuti del corpo.




La ricerca pubblicata nel numero di agosto di Nature Methods dimostra che, data la possibilità, fosfolipasi D, che mescola in genere con l'acqua, preferisce alcool. È una scelta apparentemente letale per la molecola di segnalazione che, a sua volta, uccide anche cellule T che devono fosfolipasi D per sopravvivere. In precedenza, era noto se linfociti T regolatori richiesti molecola.

"Quello che abbiamo scoperto è che se si blocca questo enzima, quasi tutte le cellule T muoiono dopo tre giorni, ma le cellule T regolatrici possono sopravvivere", afferma Dr Makio Iwashima, MCG immunologo e corrispondente autore dello studio. "Dopo tre giorni, diamo loro un po 'di cibo per crescere e, in una settimana, si ottiene cellule regolatorie pure circa il 90 per cento."

L'approccio lavorato con alcool laboratorio grade, chiamato butanolo, nonché bevande grado etanolo.

Normalmente, le cellule T regolatorie costituiscono circa il 2-5 per cento di tutte le cellule T, dice il Dott Iwashima. Isolandoli è fattibile, ma un processo lungo e costoso.

Quando i ricercatori hanno dato alcune delle cellule T regolatrici a un modello murino della malattia infiammatoria intestinale, i sintomi, tra cui la perdita di peso drammatica, se ne andò. Animali non hanno mostrato segni di infiammazione classici, solo un aumento significativo cellule regolatorie.

MCG ricercatori hanno ottenuto finanziamenti dalla Arthritis Foundation e la Fondazione Juvenile Diabetes Research per vedere se la terapia cellulare funziona anche in modelli animali per l'artrite e diabete di tipo 1.

"La nostra previsione e la nostra speranza è che si possa ristabilire l'equilibrio," dice il Dott Iwashima. Il rapporto di consueto da 5 a 95 per cento delle cellule di regolamentazione per le cellule T non regolamentari si perde in quelli con malattia autoimmune, dice. Tuttavia, troppe cellule regolatorie anche può essere un problema, dice, notando che i malati di cancro hanno livelli più elevati di cellule regolatorie.

Terapia cellulare T Regulatory inoltre deliberato sintomi in un modello di malattia da trapianto contro ospite, un problema per alcuni pazienti sottoposti a trapianto di midollo osseo quando le cellule immunitarie del donatore iniziano ad attaccare. Questo risultato indica un ruolo potenziale per aiutare i pazienti sottoposti a trapianto continuano a nuovi organi, dicono i ricercatori.

Dr. Iwashima ha una borsa di bevanda alcolica Fondazione Medical Research di perseguire il potenziale di alcol per aiutare isolare cellule regolatorie desiderosi. Tuttavia, egli avverte che i suoi risultati della ricerca non sono una luce verde per i pazienti con malattia autoimmune a bere a causa degli effetti negativi sulla salute del consumo regolare di alcool.

Dr. Iwashima ei suoi colleghi ritengono che il modo migliore per ottimizzare le percentuali di cella è di fare ciò che il corpo fa. Infatti, già sono alla ricerca di una sostanza endogena che interferisce con fosfolipasi D.

"In ultima analisi, questo è il modo più naturale, se riusciamo a trovare il composto nel nostro corpo che può fare il lavoro," dice il Dott Iwashima. Egli teorizza che questa sostanza naturale aiuta a distruggere le cellule T non regolamentari quando il corpo diventa troppo, dire dopo aver combattuto una grande infezione, e che non può funzionare abbastanza bene nelle persone con malattia autoimmune.

La ricerca è stata sostenuta dal National Institutes of Health.

Altri partecipanti includono autore principale dott Nagendra Singh, borsista postdottorato; Dr. Yoichi Seki, borsista postdottorato; Maniko Takami, assistente di ricerca; Dr. Babak Babah, borsista postdottorato; Dr. Phil R. Chandler, principale ricercatore; Dr. Davood Khosravi, ex borsista post-dottorato; Dr. Xiangjian Zheng, ex studente laureato; Mayuko Takezaki, socio di ricerca; Dr. Jeffrey R. Lee, professore associato; Dr. Andrew L. Mellor, direttore, MCG Immunoterapia Centro; e il dottor Wendy B. Bollag, professore.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha