Tumore della pelle spettacoli vaccino promettono nei topi selvatici, crescente speranza per i pazienti trapiantati

Maggio 25, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Pazienti trapiantati devono assumere farmaci immunosoppressori per il resto della loro vita per prevenire il rigetto dell'organo trapiantato. Tra gli effetti collaterali di questi farmaci, diffuse escrescenze cutanee anomale hanno grande impatto sulla qualità della vita dei pazienti. Questi possono anche evolvere in cancro della pelle, per la quale i pazienti trapiantati hanno un 250 volte elevato rischio. Sabrina Vinzуn e Frank Rцsl, dal tedesco Cancer Research Center di Heidelberg, e colleghi hanno cercato di verificare se la vaccinazione papillomavirus intorno al periodo del trapianto potrebbe impedire le lesioni cutanee osservate nei pazienti.

Hanno usato una specie di roditori (il topo multimammate) come un modello pre-clinico unico in cui sono presenti e di solito trasmesso alla prole papillomavirus pelle. Questo imita la situazione negli esseri umani - la maggior parte di noi sono infettati con papillomavirus pelle come i bambini e portare il virus in cellule della pelle per il resto della nostra vita. Tuttavia, questi animali sono più sensibili al virus di esseri umani con un sistema immunitario intatto: la maggior parte di essi sviluppano spontaneamente tumori benigni della pelle nonché quelle maligne.




Gli scienziati hanno fatto un vaccino contro il papillomavirus pelle roditore che è stato modellato sul vaccino HPV altamente efficiente e ampiamente approvato contro papillomavirus umani che protegge contro il cancro del collo dell'utero ei condilomi genitali. Quando hanno provato che il vaccino nei loro animali, hanno scoperto che la vaccinazione completamente impedito la comparsa di tumori cutanei benigni e maligni.

La vaccinazione non elimina il virus, ma i numeri del virus nelle cellule della pelle sono molto più bassi negli animali vaccinati, quindi il vaccino riesce a educare e stimolare il sistema immunitario in modo che possa tenere il virus sotto controllo. Importante, può farlo anche in topi trattati con farmaci immuno-soppressivi.

Dato che il vaccino funziona anche quando dato già infettato gli animali, e continua a sopprimere il virus anche quando sono trattati con farmaci immuno-soppressivi - condizioni che sono simili ai pazienti immunodepressi che sono stati infettati con papillomavirus come i bambini - concludono gli scienziati che "questi risultati forniscono la base per lo sviluppo clinico di strategie potenti vaccinazione contro cutaneo [pelle] infezioni da HPV e tumori HPV-indotta, soprattutto nei pazienti in attesa di trapianto di organi."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha