Un messaggio di testo al giorno toglie l'attacco d'asma di distanza

Marzo 16, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Basta mandare i bambini con asma di un messaggio di testo ogni giorno chiedendo loro sintomi e fornire conoscenze circa la loro condizione può portare a migliori risultati di salute.

In uno studio del Georgia Institute of Technology, pazienti pediatrici che sono stati invitati domande sui loro sintomi e hanno fornito informazioni su asma tramite messaggi di testo SMS hanno mostrato un miglioramento della funzione polmonare e una migliore comprensione della loro condizione entro quattro mesi, rispetto agli altri gruppi.

"Sembra che i messaggi di testo agito come un promemoria implicito per i pazienti a prendere la loro medicina e alla fine dello studio, i bambini erano più in sintonia con la loro malattia", ha detto il leader di studio Rosa Arriaga, ricercatore senior nel College of Computing di School of Interactive Computing presso la Georgia Tech.




T.J. Yun, ex Ph.D. Georgia Tech studente, e Arriaga presenterà la loro ricerca, "Un messaggio di testo al giorno toglie il Pneumologo Away", oggi alla conferenza ACM SIGCHI Fattori umani in Computing Systems 2013 nella ricerca Paris.The vinto un Best Paper Award nella categoria Replichi, che evidenzia le migliori pratiche nella metodologia di studio.

E 'anche uno studio di replica di un intervento sanitario SMS per i pazienti asmatici pediatrici originariamente pubblicato nei primi mesi del 2012 in Atti del 2 ° ACM SIGHIT International Health Informatics Simposio.

I risultati della stiva promessa di ricerca per il futuro degli studi mHealth, una tendenza basato sull'idea che i dispositivi mobili possono essere utilizzati per migliorare la salute e il benessere.

L'asma è la malattia respiratoria cronica più diffusa negli Stati Uniti, che colpisce circa 17,3 milioni di persone, tra cui più di 5 milioni di bambini. Farmaco è il principale modo i pazienti a gestire i sintomi, ma la ricerca mostra meno del 30 per cento dei ragazzi usano i loro inalatori regolarmente.

Texting, d'altra parte, è qualcosa che gli adolescenti fanno regolarmente e godere. Quasi il 75 per cento dei ragazzi americani hanno i dispositivi mobili. Ricercatori Georgia Tech erano interessati a vedere se questo onnipresente, la tecnologia di facile utilizzo può aiutare i giovani pazienti a gestire la loro asma.

In entrambi gli studi, i ricercatori hanno assegnato in modo casuale 30 bambini asmatici da una clinica privata in pneumologia pediatrica Atlanta in tre gruppi - un gruppo di controllo che non ha ricevuto alcun messaggio SMS; un gruppo che ha ricevuto messaggi di testo a giorni alterni e di un gruppo che ha ricevuto i testi ogni giorno. I bambini erano tra i 10 ei 17 anni, di proprietà di un telefono cellulare e in grado di leggere almeno un quinto livello di grado.

Nel giro di quattro mesi, i gruppi di intervento ricevute e hanno risposto ai messaggi SMS 87 per cento del tempo, e il tempo medio di risposta è stato entro 22 minuti. Dopo lo studio, il team di ricerca ha analizzato i pazienti che hanno avuto visite di follow-up con il proprio medico e trovato che l'invio di almeno un messaggio di testo al giorno, se era una domanda su sintomi o su asma in generale, migliori risultati clinici.

"I risultati indicano che sia la consapevolezza e la conoscenza sono fondamentali per gli individui impegnati in un comportamento proattivo per migliorare la loro condizione", ha detto Arriaga.

In un altro studio mHealth che ha evidenziato il ruolo che le reti sociali online possono avere sul benessere, Arriaga, Georgia Tech Regents Professore di Interactive Computing Gregory Abowd e studente laureato Hwajung Hong esaminato se il social networking potrebbe aiutare le persone con autismo a migliorare le loro connessioni sociali.

Una delle sfide individui con autismo faccia non sta avendo una grande rete abbastanza di persone che possono fornire consigli su situazioni quotidiane, come la manutenzione di casa, pianificazione finanziaria e relazioni. Essi tendono a un eccesso di contare su un caregiver primario, che limita la loro indipendenza e può appesantire il caregiver.

Lo studio ha coinvolto tre persone con la sindrome di Asperger, una diagnosi che riflette media o sopra la media le competenze linguistiche, ma compromessa abilità sociali e modelli di comportamenti e interessi. Gli individui con Sindrome di Asperger possono avere difficoltà ad usare siti di social networking tradizionali come Facebook, perché richiede un certo grado di sfumatura sociale. Essi possono anche essere vulnerabili per gli utenti che cercano di approfittare di loro.

Per risolvere questo problema, i ricercatori della Georgia Tech istituito un social network specializzato per i partecipanti l'utilizzo del servizio cross-piattaforma commerciale, GroupMe. Ogni partecipante è stato collegato con un piccolo, numero predeterminato di familiari e amici che lui o lei potrebbe raggiungere i sui problemi della vita di tutti i giorni e le domande.

Nell'arco di quattro settimane GroupMe motivato ogni partecipante per comunicare con questo cerchio grande di membri e ridurre la dipendenza suo caregiver primario. Il cerchio attivamente impegnata e condiviso la responsabilità di rispondere alle domande dei partecipanti. Caregivers primari hanno dato recensioni positive della rete sociale specializzata, dicendo che erano felici con la diversità di risposte che il sistema fornito e che il carico sentito grazie leggeri all'aiuto dei membri del circolo. I risultati indicano che le interazioni on-line positive portano a interazioni della vita reale tra le persone e le loro membri del circolo.

Il documento, "indagando l'uso di cerchi in reti sociali di sostenere l'indipendenza delle persone con autismo," sarà presentata anche durante la SIGCHI 2013 conferenza.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha