Un nuovo modo di guardare alla sindrome di Prader-Willi

Maggio 6, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Uno studio australiano rivela che le persone con la malattia genetica rara nota come sindrome di Prader-Willi possono avere un sistema nervoso autonomo compromessa. Questa scoperta apre un nuovo modo di guardare l'appetito insaziabile vissuta da tutti i malati, così come il loro elevato rischio di malattie cardiovascolari.

Il sistema nervoso autonomo controlla i nostri organi interni, compreso il nostro intestino, cuore, fegato e vasi sanguigni. È un finemente sintonizzato, sistema dinamico, rispondendo momento per momento alle esigenze del corpo.

Ricercatori provenienti da Sydney Garvan Institute of Medical Research, tra cui i dottori Alexander Viardot e Lisa Sze, il professor Lesley Campbell e Louise Purtell, intrapreso studi pasto, a confronto 10 adulti con sindrome di Prader-Willi, con 11 persone obese abbinati sane e salutari 9 persone magre.




I loro risultati, pubblicati oggi online sulla rivista Clinical Endocrinology internazionale, hanno dimostrato che la variabilità della frequenza cardiaca, un indicatore di funzione del sistema nervoso autonomo, non era normale nelle persone con sindrome di Prader-Willi.

In una persona sana, il tempo tra un battito cardiaco e il successivo varia considerevolmente durante il pasto perché il sistema nervoso autonomo regolamenta attivamente la risposta del corpo al cibo ed il flusso sanguigno.

Nelle persone con sindrome di Prader-Willi, lo studio ha rilevato, battiti cardiaci erano troppo regolari dopo un pasto. Questo ha permesso ai ricercatori di dedurre compromissione del sistema nervoso autonomo.

"Questo è il primo studio a dimostrare che la risposta del sistema nervoso autonomo per l'assunzione di cibo è anormale in Sindrome di Prader-Willi", ha detto il dottor Alex endocrinologo Viardot, uno dei principali investigatori.

"Una serie di anomalie che vediamo nei pazienti Prader-Willi potrebbe essere legato ad esso - tra cui come il corpo secerne ormoni intestinali sopprimere l'appetito, e controlla anche l'appetito attraverso il sistema nervoso centrale."

"Crediamo che la constatazione introduce una nuova prospettiva sulla fisiopatologia di questa malattia, che potrebbe condurre a trattamenti alternativi per il futuro."

Leader di studio il professor Lesley Campbell ha accettato, sottolineando il fatto che i ricercatori hanno abbinato persone obese a stretto contatto con i pazienti di Prader-Willi, al fine di stabilire con esattezza ciò che è intrinseco Prader-Willi. "Come risultato di questa stretta corrispondenza, crediamo che stiamo vedendo il difetto reale indotta dalla sindrome", ha detto.

"Il sistema nervoso autonomo è molto difficile valutare -. E studi di Prader-Willi precedenti hanno avuto la tendenza a guardare le grossolane funzioni nervoso autonomo, come la funzione allievo, che ha i suoi limiti"

". Per misurare una cosa molto finemente regolato come la frequenza cardiaca è un modo sensibile e riproducibile per misurare la funzione nervoso autonomo Questo è il vantaggio del nostro studio - è un test affidabile."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha