Una volta al giorno pillola offre sollievo dai sintomi allergia all'ambrosia

Maggio 4, 2016 Admin Salute 0 8
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un team internazionale di ricercatori, guidato da medici-scienziati della Johns Hopkins, riferisce che una compressa una volta al giorno contenente una dose elevata di un tasto polline di ambrosia proteina blocca efficacemente il naso che cola, starnuti, congestione nasale e prurito agli occhi vissuta da chi soffre di allergia all'ambrosia .

I test hanno dimostrato che il trattamento con la pillola, che contiene la proteina Ambrosia artemisiifolia principale allergene 1, ed è posta sotto la lingua per essere assorbito, anche ridotto la necessità di farmaci anti-allergia per ottenere sollievo. Più di 80 milioni di americani sono allergici all'ambrosia.

Lo studio si crede di essere il primo e più grande, multicentrico, in doppio cieco, randomizzato e controllato del suo genere per indagare l'uso di immunoterapia sublinguale contro allergia all'ambrosia. Iniziata nel mese di aprile 2010, è stato finanziato dal produttore del farmaco, Merck di Whitehouse Station, NJ




I risultati dello studio, pubblicato oggi nel Journal of Allergy e Immunologia Clinica, hanno mostrato che i sintomi generali e necessità per tali farmaci allergia come antistaminici e steroidi nasali sono diminuiti del 27 per cento in persone che hanno preso una pillola contenente 12 unità di allergene. Durante l'alta stagione ambrosia, i circa due settimane tra agosto e ottobre, quando conta polline sono più alti, i sintomi e l'uso di farmaci è sceso del 24 per cento.

I ricercatori dicono che se la pillola vince l'approvazione da parte della Food and Drug Administration, che potrebbe servire come più conveniente l'opzione meno doloroso, di colpi di allergia settimanali o mensili. La pillola presenta anche un minor numero di effetti collaterali rispetto a iniezioni di allergene.

"I nostri risultati mostrano questo tablet orale per l'allergia all'ambrosia è altamente efficace e ben tollerato, e offre un notevole sollievo da quello che molti soggetti allergici considerano la parte più angosciante dell'anno", dice allergologo e piombo studio investigatore Peter Creticos, MD

Alcuni 784 uomini e donne provenienti da Stati Uniti, Canada, Ungheria, Russia e Ucraina volontari per prendere parte allo studio durato un anno, in cui i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a prendere un alto, medio, o tablet a basso dosaggio , o placebo. Né i ricercatori né i partecipanti allo studio erano consapevoli che la dose della pillola o placebo stavano prendendo. I pazienti mantenuto traccia dei loro sintomi e l'uso di farmaci attraverso diari dettagliati e quotidiane, che sono stati successivamente ha ottenuto dai ricercatori per l'analisi.

"I medici che trattano i soggetti allergici all'ambrosia potrebbero presto avere un'alternativa per l'attuale approccio alla gestione allergia all'ambrosia, che di solito comporta visite settimanali o mensili per l'ufficio del medico per i colpi di allergia e comporta il rischio di gonfiore e dolore al sito di iniezione, più il rischio di shock anafilattico ", dice Creticos, professore associato presso la Facoltà di Medicina dell'Università John Hopkins.

Creticos dice che non si sono verificati eventi avversi nel corso dello studio. Gli unici effetti indesiderati osservati sono stati lievi irritazione della gola, della lingua prurito e labbra gonfie.

Creticos dice che il suo team ha anche iniziato gli studi di altre forme non iniettabili di immunoterapia, compresa gocce allergia all'ambrosia, e le applicazioni di trattamento dove l'allergene è leggermente punse o inseriti negli strati intermedi della pelle.

Altri ricercatori coinvolti nello studio sono Jennifer Maloney, MD, Amarjot Kaur, Ph.D., Nancy Lui, Ph.D., e Hendrik Nolte, MD, Ph.D., a Merck; David Bernstein, MD, presso il Centro di Ricerche Cliniche Bernstein e University of Cincinnati College of Medicine, in Ohio; Thomas Casale, MD, presso Creighton University di Omaha, Neb .; Robert Fisher, MD, a Allergy Research e cura a Milwaukee, Wis .; Kevin Murphy a Boys Town National Hospital Research in Omaha, Neb .; e Kristof Nekam, MD, presso l'Ospedale della Ospedaliero, Fratelli di San Giovanni di Dio, a Budapest, Ungheria. Durante lo svolgimento dello studio, Creticos era un membro a pagamento di un comitato scientifico Merck.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha