University Of Florida ricercatori identificare una proteina che può indurre resistenza in cellule polmonari Cancro

Marzo 31, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

GAINESVILLE, Fla. --- Università di ricercatori della Florida hanno identificato una proteina che sembra giocare un ruolo chiave nel fortificare le cellule tumorali del polmone contro i potenti farmaci chemioterapici progettato per ucciderli.

I risultati sono un primo passo verso una migliore comprensione dei meccanismi molecolari di base che consentono queste cellule tumorali di sopravvivere e di rafforzare, UF ricercatori hanno riferito Domenica (3/25) in occasione della riunione annuale della American Association for Cancer Research a New Orleans.

Mentre la chemioterapia può prolungare la sopravvivenza per molti pazienti, in ultima analisi, non è probabile che curare la malattia, in particolare per quelli con una forma nota come carcinoma polmonare a piccole cellule.




"Il grande problema con questo tipo di cancro è che i pazienti rispondono abbastanza bene alla chemioterapia e radioterapia dopo la diagnosi, ma all'interno di una due o tre anni periodo più recidiva", ha detto Lei Xiao, un assistente professore di anatomia e biologia cellulare presso UF di College of Medicine e della UF Shands Cancer Center. "I pazienti, se precedentemente trattati con chemioterapia, avranno il cancro che è resistente al trattamento. Invece, il cancro del polmone continua a crescere.

"Siamo interessati a perché il cancro del polmone è così mortale e come superare il problema di ciò che è considerato un comportamento maligno molto aggressivo", ha aggiunto. "Vogliamo sapere di più sul fenomeno del perché il paziente recidiva diventa resistente. Vorremmo capire il processo e, infine, trovare un modo per fermare o correggere il processo e aiutare il paziente di nuovo rispondere alla terapia."

Il cancro del polmone è la causa per cancro più comune di morte, secondo l'American Lung Association. Si stima che circa 164.100 nuovi casi sono stati diagnosticati negli Stati Uniti solo l'anno scorso. Nel frattempo, più di 150.000 pazienti affetti da cancro del polmone sono morti nel 2000. Il cancro del polmone in genere appare in una delle due forme che variano geneticamente: piccole cellule o non a piccole cellule.

Il cancro del polmone a piccole cellule per circa un quarto di tutti i nuovi casi di cancro al polmone, Xiao ha detto. È molto aggressivo e spesso ha metastatizzato ad altre parti del corpo per il momento la malattia del paziente è stato diagnosticato.

Le statistiche sono triste: Anche se oltre l'80 per cento dei pazienti risponde al trattamento in un primo momento, il tasso di sopravvivenza a cinque anni per i pazienti il ​​cui tumore ricorre è solo il 3 per cento all'8 per cento.

"Anche se siamo in grado di indurre la remissione temporaneamente o almeno ridurre le dimensioni del tumore, non ci curiamo in realtà completamente il cancro ai polmoni a causa di questo problema della resistenza ai farmaci", ha detto il dottor Eloise Harman, un professore di medicina e direttore del divisione di medicina polmonare presso la Facolta 'di Medicina UF. "E 'stato un grosso problema."

Precedenti studi clinici e di laboratorio hanno suggerito che la resistenza ai farmaci nei pazienti con carcinoma polmonare a piccole cellule si sviluppa quando le cellule cancerose in realtà si trasformano in del tipo non a piccole cellule, una forma noto per non aver risposto alla chemioterapia. Ma come ciò avvenga è stato un mistero.

Ora i ricercatori UF hanno collegato una proteina nota come proteina chinasi C-epsilon, o PKC-epsilon in breve, di questa transizione. Mentre il gene per la proteina esiste naturalmente nelle cellule del cancro del polmone a piccole cellule, normalmente è inattivo, per cui la proteina non viene prodotta.

Nelle culture di laboratorio di carcinoma polmonare a piccole cellule, gli scienziati hanno introdotto il gene e hanno scoperto che le cellule iniziano a produrre la proteina e divennero resistente ai due farmaci chemioterapici comuni, etoposide e doxorubicina, a varie concentrazioni. Le cellule che esprimono la proteina erano più probabilità di sopravvivere, in parte perché la proteina interrotto il processo di morte cellulare programmata, che racconta le cellule nel corpo quando la loro durata di vita naturale è finita.

"Siamo indotti l'espressione di PKC-epsilon, e abbiamo potuto vedere le cellule modificano il loro comportamento in risposta ai farmaci chemioterapici somministrati noi", ha detto Xiao, la cui ricerca è finanziata da una di quattro anni, 800 mila dollari sovvenzione da parte del National Cancer Institute. "PKC potrebbe essere uno dei candidati che fa qualcosa per quanto riguarda lo sviluppo di un fenotipo farmaco-resistenti."

I ricercatori dicono che collega l'espressione della proteina con resistenza ai farmaci è solo il primo passo nella comprensione dei processi fisiologici potenzialmente complessi che influenzano la resistenza ai farmaci, e sono anni di distanza da sviluppare qualsiasi tipo di trattamento per i pazienti affetti da cancro del polmone.

Xiao ha detto UF ricercatori vorrebbero sapere di più su come il gene responsabile per i segnali di funzione della proteina di agire. Medici Someday potrebbero colpire il gene e impedire che l'inoltro suo messaggio dannoso, o trovare di migliori metodi di colpire le cellule tumorali utilizzano meccanismi di difesa naturale delle cellule di indurre una sorta di suicidio genetico, risparmiando le cellule sane.

Alla fine, gli scienziati potrebbero essere in grado di utilizzare la proteina come marker per identificare i pazienti a rischio di resistenza ai farmaci, e trattamenti potrebbero essere adattati di conseguenza, Xiao ha detto.

"Questa ricerca sta cercando di guardare a ciò che i meccanismi molecolari alla base sono per lo sviluppo di resistenza ai farmaci chemioterapici nel cancro polmonare a piccole cellule", ha detto Harman. "Quindi, presumibilmente, se il meccanismo di resistenza ai farmaci chemioterapici possono trovare saremo in grado di sviluppare migliori trattamenti per il cancro del polmone. Il pensiero è che le cellule subiscono un certo tipo di cambiamenti genetici che permette loro di resistere farmaci contro il cancro, e credo che questo documento dimostra che è effettivamente il caso. Questo tipo di ricerca potrebbe aprire la porta a nuove terapie per il cancro al polmone. "

Dr. Mark R. Green, il professore Gilbreth di oncologia clinica presso la Medical University of South Carolina, ha detto che se l'associazione tra la proteina e la resistenza ai farmaci dimostra di essere un fenomeno diffuso, "potrebbe essere al centro di una più ampia ricerca e applicazioni cliniche . "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha