US è poco preparata per l'influenza pandemica, St. Jude esperti avvertono

Marzo 26, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Memphis, Tennessee. - Gli Stati Uniti non sia adeguatamente preparata a rispondere ad una epidemia mondiale di influenza, che molti esperti dicono che potrebbe essere imminente. Questa scoperta, riportata nel 28 novembre della rivista Science, è stato scritto da ricercatori Ospedale dei Bambini St. Jude.

I ricercatori avvertono che St. Jude anche se vi è la tecnologia eccellente vaccino influenzale a disposizione per rispondere rapidamente a un focolaio, le modifiche legislative e delle infrastrutture necessarie per tradurre questi progressi in benefici per la salute pubblica sono estremamente lenti ad arrivare. Leggi sulla proprietà intellettuale che limitano o rallentano l'incorporazione di alcune nuove conoscenze in produzione di vaccini aggiungere a questo problema.

«Se una pandemia influenzale ha iniziato domani, non saremmo in grado di andare fuori con i vaccini, perché gli impianti di produzione a disposizione per la loro produzione sono ampiamente inadeguata", ha detto Robert G. Webster, Ph.D., membro del dipartimento di Malattie Infettive e titolare della Cattedra Rose Marie Thomas di St. Jude. Webster è co-autore di questo articolo Science.




Oltre alla limitata capacità di rispondere a un focolaio con i vaccini, la fornitura di farmaci antivirali che potrebbero rallentare una pandemia è in "scandalosamente scarseggiare", secondo l'articolo.

"Di fronte a una pandemia, le scorte disponibili di farmaci antivirali sarebbero stati utilizzati in giorni", ha detto Webster. "Ci vorrebbe un massimo di 18 mesi per rendere più farmaci da zero. Stoccaggio è l'unica risposta."

L'avvertimento di una pandemia influenzale potenzialmente imminente (epidemia a livello mondiale), si basa in parte sulla presenza quest'anno di due diversi focolai di influenza aviaria (uccello) che saltò agli esseri umani, causando infezioni fatali ogni volta. L'improvvisa comparsa di trasmissione aviaria a uomo potrebbe indicare che alcuni virus influenzali evolvono abbastanza rapidamente a rappresentare una grave minaccia per la salute umana. Tali trasmissioni dirette virus dell'influenza aviaria a uomo erano sconosciuti prima del 1997.

Le epidemie causate da virus dell'influenza aviaria che saltavano agli esseri umani di quest'anno, H5N1 e H7N7 designato, si è verificato a Hong Kong e in Olanda rispettivamente. Il virus H5N1 ha ucciso un uomo in Asia, mentre il virus H7N7 infettato 80 persone su allevamenti di pollame e ucciso un veterinario. I virus influenzali sono classificati in base a quale tipo di proteine, chiamata emoagglutinina (H) e neuraminidasi (N), appaiono sul virus 'superficiale. I virus utilizzano la proteina H per infettare cellule nel corpo, in cui sono fatte molte copie del virus; Proteine ​​N aiutano i virus più recenti fatti sfuggire dalle cellule e la diffusione in tutto il corpo.

Se uno H5N1 o H7N7 avevano acquisito la capacità di passare da persona a persona, il risultato avrebbe potuto essere una pandemia, secondo Webster. Inoltre, il lungo tempo necessario per sviluppare e produrre in serie un vaccino in quantità sufficiente per proteggere le grandi popolazioni sarebbe una grave vulnerabilità in qualsiasi strategia per rispondere a tale epidemia.

Il modo consueto per fare un vaccino contro un virus influenzale specifica è lasciare geni virali miscela all'interno uova di pollo che includono geni da un virus noto per essere sicuro da usare negli esseri umani. I virus derivanti da questa mescolanza che siano sicuri da usare negli esseri umani e portare emoagglutinina (H) e neuraminidasi (N) proteine ​​che attivano le risposte del sistema immunitario negli esseri umani sono usati per fare i vaccini.

"In caso di una pandemia, il processo di sviluppo, inizialmente un" seme "virus adatto per la produzione di massa come vaccino sarebbe troppo lento e troppo dipendente da un rifornimento costante di uova", ha detto Richard Webby, Ph.D., assistente membro della divisione St Jude di virologia e co-autore dell'articolo Science. Particolarmente preoccupante è il fatto che i altamente patogeni sottotipi H5 e H7 del virus dell'influenza uccidono embrionate polli uova.

Tuttavia, laboratorio Webster dimostrato quest'anno che è possibile ridurre drasticamente il tempo complessivo di sviluppo di vaccini utilizzando una nuova tecnica per sviluppare il virus seme.

Guidati da Webby, il team di St Jude modificato con successo una tecnica chiamata genetica inversa per sviluppare un vaccino contro l'H5Nl seme. I ricercatori mescolati due geni da H5Nl con sei geni da un secondo virus (A/PR8/34) [HINI]) per produrre un virus vaccinico seme che era sicuro negli esseri umani, ma che effettuate l'H e N proteine ​​che hanno stimolato il sistema immunitario.

"Anche se i virus devono ancora essere cresciuto in uova per fare i vaccini, il processo iniziale di rendere il vaccino seme è molto più veloce utilizzando la genetica inversa" Webby detto.

Ma genetica inversa richiede specifiche popolazioni di cellule animali in cui far crescere i virus, e ci sono solo poche righe di celle adatte per questo processo. La maggior parte di queste linee cellulari sono di proprietà di grandi aziende farmaceutiche, piuttosto che laboratori accademici di ricerca come St. Jude.

"I laboratori che producono i vaccini di sementi per l'influenza potrebbe essere necessario l'accesso a linee cellulari che sono detenuti in privato," Webby detto. "In caso di una pandemia, avremo bisogno di una collaborazione internazionale tra governo, industria e mondo accademico, come è avvenuto con successo in tutto il mondo per la risposta SARS all'inizio di quest'anno."

"Dobbiamo anche fare in modo che possiamo verificare rapidamente i vaccini per la sicurezza e raggiungere il pubblico in tempo per fermare una pandemia in via di sviluppo", ha detto Webster. "Per fortuna, l'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) è già stabilire linee guida per determinare rapidamente la sicurezza dei vaccini che dovrebbero aiutare a bilanciare le esigenze di velocità e la sicurezza del vaccino in caso di pandemia."

Tale epidemia potrebbe essere significativamente peggiori di quelli precedentemente causato dalla SARS e West Nile virus.

Un fattore importante guidare l'evoluzione dei virus influenzali è il mescolamento continuo dei geni del virus dell'influenza umana e inferiore di animali all'interno di volatili infetti e animali tenuti in stretto contatto nei mercati o fattorie. Gli animali servono come "tazze di miscelazione", in cui i virus influenzali scambiano geni, aumentando la possibilità che alcuni virus otterranno la capacità di diffondersi rapidamente tra gli esseri umani infetti, secondo Webster.

"Una sfida importante nella lotta contro l'influenza è la vastità dei serbatoi animali", ha detto Webster.

Nel complesso, della carta concludono gli autori, lo stato di preparazione per una pandemia di influenza negli Stati Uniti è "lungi dall'essere ottimale."

###

Influenza ricerca al St. Jude è supportata dal servizio sanitario pubblico, National Institutes of Health e ALSAC.

Ospedale dei Bambini St. Jude

Ospedale dei Bambini St. Jude è riconosciuta a livello internazionale per il suo lavoro pionieristico nella ricerca di cure e salvare bambini malati di cancro e di altre malattie catastrofiche. Fondata da tardo intrattenitore Danny Thomas e con sede a Memphis, Tennessee, St Jude liberamente le sue parti scoperte con le comunità scientifiche e mediche di tutto il mondo. Nessuna famiglia paga mai per i trattamenti non coperti da assicurazione, e le famiglie senza assicurazione non sono mai chiesto di pagare. St Jude è finanziariamente sostenuto da ALSAC, la sua organizzazione di raccolta fondi. Per ulteriori informazioni, si prega di visitare il sito http://www.stjude.org.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha