Usando nanoparticelle d'argento, i ricercatori creano crema che evita la trasmissione del virus HIV

Aprile 10, 2016 Admin Salute 0 10
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Lara Villegas spiegato che HIV fa il suo ingresso in cellule immunitarie (CD4) dell'organismo con l'ausilio di una proteina nota come GP120, che permette al virus rispetto alle cellule. Questo stesso principio è utilizzato da nanoparticelle di argento per attaccarsi a questa proteina e bloccarlo, ruotando il inattiva virus.

Il ricercatore messicano informato che la crema è stata testata in campioni di tessuti umani e ha dimostrato l'efficacia di nanoparticelle di argento per evitare la trasmissione del virus attraverso cervicale mucose.




Il ricercatore UDEM, che ha lavorato in Israele e gli Stati Uniti, ha assicurato che dopo applicazione, la crema inizia a lavorare in meno di un minuto, e ha una protezione efficace di fino a 72 ore.

Dato che il funzionamento di questo prodotto è l'inattivazione del virus, anche se questa è una crema vaginale, anche proteggere il partner sessuale.

"Normalmente -. Ha highlighted-, il farmaco utilizzato contro l'atto virus all'interno della cellula per evitare la replicazione Questo è un caso molto diverso, dato che il nanoparticelle va direttamente contro l'HIV e non permette il suo ingresso alla cella".

Finora, nessuna tossicità delle nanoparticelle d'argento è stato segnalato, anche se ha aggiunto che la ricerca è ancora da eseguire per valutare i possibili effetti collaterali di proprietà d'argento.

"In questo momento, sono certo che questo microbicida sta andando per evitare il virus di entrare nell'organismo, ma non posso ancora assicuro che è totalmente innocuo, perché gli studi clinici sono un processo lungo e costoso," il ricercato ha aggiunto.

Ha esposto che l'uso di gel sono solitamente accompagnati da irritazione, che favorisce l'entrata del virus, che è il motivo per cui la crema è stato arricchito con un effetto anti-infiammatorio.

Attualmente, con i risultati ottenuti, i ricercatori procederanno ad effettuare la sperimentazione in topi che accettano le cellule umane, per cominciare poi con test clinici sull'uomo.

Ha aggiunto che questa crema potrebbe impedire la trasmissione di altri virus sessualmente acquisito come il virus del papilloma umano (HPV). Analogamente, si considera che le nanoparticelle di argento possono essere usati per combattere batteri trasmessi allo stesso modo.

Ha trasmesso che il suo team di ricerca sta lavorando in un kit di diagnosi che prevede poche ore, attraverso esami del sangue, la resistenza di una persona sieropositiva al trattamento antiretrovirale, i risultati che aiuterà il medico a prescrivere il trattamento più adeguato alla persona che vive con l'HIV .

"Attualmente siamo in grado di dare a questo risultato, ma stiamo lavorando in test preliminari e richiedono di studiare un sacco di pazienti sieropositivi per calibrare questo kit", ha concluso.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha