Uso di Facebook porta alla depressione? No, dice studio

Maggio 29, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Uno studio degli studenti universitari è la prima prova per confutare il supposto legame tra la depressione e la quantità di tempo speso su Facebook e altri siti di social-media.

L'Università del Wisconsin Facoltà di Medicina e Sanità Pubblica studio suggerisce che possa essere inutilmente allarmante di consigliare i pazienti e genitori sul rischio di "Facebook Depression" basata esclusivamente sulla quantità di utilizzo di Internet.

I risultati sono pubblicati on-line 9 luglio sul Journal of Adolescent Health.




Lo scorso anno, l'American Academy of Pediatrics ha pubblicato un rapporto sugli effetti dei social media sui bambini e gli adolescenti. Il rapporto suggerisce che l'esposizione a Facebook potrebbe portare alla depressione.

I ricercatori guidati da Lauren Jelenchick e Dr. Megan Moreno hanno esaminato 190 University of Wisconsin-Madison studenti di età compresa tra 18 e 23 tra, utilizzando una valutazione in tempo reale delle attività Internet e un metodo di screening clinico validato per la depressione.

Gli studenti sono stati intervistati con 43 questionari testo dei messaggi a intervalli casuali nel corso di un periodo di sette giorni tra febbraio e dicembre 2011. Gli studenti è stato chiesto se fossero in linea attualmente, quanti minuti erano stati in linea e che cosa stavano facendo sulla Internet.

Lo studio ha trovato che i partecipanti al sondaggio hanno su Facebook per più della metà del tempo totale in linea. Quando Jelenchick e Moreno ha valutato i dati, compresi i risultati-depressione di screening, non hanno trovato associazioni significative tra uso sociale-media e la probabilità di depressione.

"Il nostro studio è il primo a presentare prove scientifiche sul link suggerito tra l'uso di social-media e il rischio di depressione", ha detto Jelenchick, che ha appena ricevuto un master in salute pubblica presso l'Università del Wisconsin Facoltà di Medicina e Sanità Pubblica. "I risultati hanno importanti implicazioni per i medici che possono prematuramente i genitori di allarme circa l'uso di social-media e la depressione dei rischi."

Moreno, un pediatra che è stato ampiamente pubblicato in materia di uso sociale-media tra i bambini e gli adolescenti, consiglia ai genitori di guardare a uso sociale-media dei loro figli nel contesto di tutta la loro vita.

Dice genitori non devono essere eccessivamente preoccupati se il comportamento del loro bambino e stato d'animo non sono cambiati, hanno amici e il loro lavoro scolastico è coerente.

"Mentre la quantità di tempo su Facebook non è associato con la depressione, incoraggiamo i genitori ad essere modelli di ruolo attivi e insegnanti sull'uso dei media sicuro ed equilibrato per i loro figli", ha detto Moreno.

Secondo recenti studi, oltre il 70 per cento degli adolescenti utilizza siti di social media, più comunemente Facebook.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha