Uso MyChart alle stelle tra i malati di cancro

Marzo 27, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Nel corso di un periodo di sei anni, il numero di pazienti che utilizzano attivamente MyChart ogni anno è aumentato di cinque volte, mentre il numero di accessi totali ogni anno è aumentato più di 10 volte, secondo uno studio del Dr. David Gerber, professore associato di Internal Medicina, e il dottor Simon J. Craddock Lee, professore associato di Scienze Cliniche.

"Questo modello suggerisce che non solo sono molto più pazienti che utilizzano questa tecnologia, ma anche che lo si utilizza più intensamente", ha detto il dottor Gerber.




Questi risultati, pubblicati sul Journal of Oncology Practice, sono degni di nota in quanto nessuno studio preliminare ha sistematicamente esaminato l'uso di portali elettronici dei pazienti da parte dei pazienti con cancro, anche se l'uso di questa tecnologia è in aumento a livello nazionale, la creazione di nuovi terreni in cura clinica e medico- relazioni paziente.

L'aumento dell'uso MyChart riflette la comodità e facilità d'uso percepita dai pazienti.

Darla Robinson, un 75-year-old Arlington residente con il cancro ai polmoni, ha detto che usa MyChart dare un seguito ai suoi appuntamenti con il Dr. Gerber e altri medici UT Southwestern. Suo marito, Jim, naviga le pagine MyChart e tipi di qualsiasi messaggio che vuole inviare ai suoi caregivers.

"E 'molto efficace per la ricerca di appuntamenti e tutte le informazioni sui vostri test dopo aver visto il medico," ha detto. "Non è un problema. E 'facile da usare."

Nel 2009, il Congresso ha assegnato 27 miliardi dollari per sostenere l'adozione di cartelle cliniche elettroniche. Il Dipartimento di Salute e Servizi Umani ha cominciato assegnando il finanziamento nel 2011. UT Southwestern iniziato ad offrire questi servizi anni prima.

"UT Southwestern reso MyChart disponibili per i malati di cancro nel 2007 e, wow, fanno lo usano. Molti pazienti usano, e lo usano frequentemente, con la maggior parte di questi pazienti in più di 60 anni", ha detto il dottor Lee, sottolineando che tali pazienti sono differenti dalla demografico non paziente, tipicamente minore che utilizza Internet maggiore rispetto al resto della popolazione.

Dr. Lee, antropologo medico, ha detto che userà lo studio come una linea di base per informare i suoi sforzi per saperne di più su come le relazioni medico-paziente possono essere modificate attraverso un maggiore "uso significativo" delle tecnologie di assistenza sanitaria, come l'Electronic Medical Record .

Quasi 6.500 pazienti al Harold C. Simmons Comprehensive Cancer Center iscritti MyChart 2007-2012 e sono stati inclusi nello studio.

"Mi ha colpito l'immediatezza l'assorbimento e il volume di utilizzo", ha detto il dottor Gerber. "Sospettavo che il volume sarebbe elevato. Non pensavo che sarebbe stato più volte superiore rispetto ad altri gruppi di pazienti."

L'utilizzo di MyChart era maggiore tra i pazienti di cancro che tra altri altri gruppi di pazienti, ad eccezione per i bambini con pericolo di vita condizioni mediche, secondo lo studio.

"Abbiamo intrapreso questo studio, perché abbiamo il sospetto che il volume di utilizzo portale elettronico può essere maggiore nei pazienti con cancro che in altre popolazioni", ha detto il dottor Gerber.

Mentre lo studio non ha confrontato direttamente le modalità d'uso con i gruppi non-cancro, l'utilizzo medio nel presente studio era 4-8 volte superiore rispetto a quanto è stato riportato in precedenza nelle cure primarie, pediatria, sottospecialità chirurgica, e altre popolazioni.

Dr. Gerber ha spiegato che l'uso del paziente di portali elettronici per ricevere e trasmettere le informazioni possono avere particolari implicazioni nella cura del cancro. Laboratorio e radiologia risultati possono essere più probabilità di rappresentare significativi risultati clinici, come la progressione della malattia.

"Penso che stiamo ancora imparando come i pazienti a capire e utilizzare i dati medici complessi, quali i rapporti di scansione, che sempre ricevono prima mano elettronico," ha detto il dottor Gerber.

Inoltre, sintomi riferiti dai pazienti con cancro possono essere più probabile per rappresentare urgenze mediche. In particolare, lo studio ha rilevato che il 30 per cento delle richieste di consulenza medica di pazienti sono stati inviati dopo ore di ambulatorio.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha