Vaccinazione antinfluenzale materna può essere associato con la protezione di influenza nei bambini

Maggio 28, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I bambini le cui madri che ricevono vaccini contro l'influenza durante la gravidanza sembrano meno probabilità di essere infettati con l'influenza o ricoverati in ospedale per malattie respiratorie nei loro primi sei mesi di vita, secondo un rapporto pubblicato in linea 4 ottobre che apparirà nel numero di stampa febbraio 2011 di Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine.

I bambini sono sempre a più alto rischio di complicanze da infezione con il virus dell'influenza, in base alle informazioni in questo articolo. Tuttavia, essi non sono ammissibili ad essere vaccinati fino all'età di 6 mesi. "Infezione da virus influenzale nei bambini è generalmente più frequente tra i 6 a 12 mesi di età che nei primi sei mesi di vita, potenzialmente a causa della protezione conferita dagli anticorpi materni influenzali acquisite per via transplacentare o attraverso l'allattamento al seno," scrivono gli autori. "Tuttavia, durante le stagioni influenzali gravi, morbilità e mortalità tra i bambini di età superiore a 6 mesi sono stati segnalati a superare quelli dei bambini più grandi."

Angelia Eick A., Ph.D., poi di Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, Baltimora, e ora delle Forze Armate Health Center di sorveglianza, Silver Spring, Md., E colleghi hanno condotto uno studio non-randomizzato osservazionale di coorte su Navajo e prenotazioni White Mountain Apache indiane, dove i bambini hanno un più alto tasso di infezione respiratoria grave rispetto alla popolazione generale. Un gruppo di 1.169 donne che hanno partorito bambini durante uno dei tre stagioni influenzali questionari circa demografici, stato vaccinale di tutti i membri della famiglia e dei fattori di rischio influenza completato. Un totale di 1.160 coppie madre-bambino poi ha dato i campioni di sangue che sono stati valutati per la presenza di anticorpi dell'influenza. Le madri hanno completato un secondo questionario alla fine della stagione influenzale e la sorveglianza è stata condotta nel corso di tracciare nuove malattie simil-influenzali.




Durante la stagione influenzale dopo la loro nascita, 193 (17 per cento) dei bambini sono stati ospedalizzati per malattia simil-influenzale, 412 (36 per cento) aveva solo una visita ambulatoriale per una causa respiratorio e 555 (48 per cento) non ha avuto larlo o larlo come episodi. I neonati le cui madri sono state vaccinate avevano un rischio 41 per cento più basso di infezione da virus influenza confermati in laboratorio e di un 39 per cento riduzione del rischio di ospedalizzazione per malattia simil-influenzale. Inoltre, quelli con campioni di sangue disponibili avevano livelli più elevati di anticorpi dell'influenza alla nascita e in 2 o 3 mesi rispetto ai bambini nati da donne non vaccinati.

"Anche se la vaccinazione antinfluenzale è raccomandato per le donne in gravidanza per ridurre il rischio di complicanze influenzali, questi risultati forniscono il supporto per l'ulteriore vantaggio di proteggere i bambini da infezione da virus influenzale fino a sei mesi, il periodo in cui i bambini non sono ammissibili per la vaccinazione antinfluenzale, ma sono a più alto rischio di malattia influenzale grave ", che concludere. "Questi risultati sono particolarmente rilevanti, con l'emergere del 2009 l'influenza pandemica A (H1N1), che ha avuto un impatto sostanziale sulle donne in gravidanza e gli alti tassi di ospedalizzazione tra i bambini piccoli."

Lo studio è stato finanziato dall'Ufficio Vaccine Programma Nazionale, Dipartimento di Salute e Servizi Umani, l'Ufficio della salute delle donne appartenenti a minoranze, Centers for Disease Control and Prevention, Aventis-Pasteur e Evans-Powderject.

Editoriale: materna promettente vaccino per la prevenzione dell'influenza nei neonati

"L'onere di influenza tra le donne incinte, il profilo di sicurezza eccellente del vaccino e l'immunogenicità affidabile di trivalente inattivato vaccino influenzale in questo gruppo di sostegno di una raccomandazione che tutte le donne in gravidanza ricevono il vaccino influenzale per ridurre le complicanze della malattia influenzale durante la gravidanza," scrivere Justin R. Ortiz, MD, e Kathleen M. Neuzil, MD, MPH, della PATH e l'Università di Washington, a Seattle, in un editoriale di accompagnamento.

"Mentre il peso di influenza non è così caratterizzato in molti paesi tropicali e in via di sviluppo, le prove disponibili, compresa l'evidenza dalla recente pandemia di H1N1, sostiene che le donne incinte sono ad alto rischio per la morbilità correlate all'influenza", che continuerà.

"I benefici aggiuntivi di vaccinazione antinfluenzale materno per il neonato, come dimostrato nel Bangladesh e comunità White Mountain e Apache Navajo, dovrebbero catalizzare gli sforzi per migliorare i tassi di vaccinazione nei paesi con le raccomandazioni di vaccinazione materne esistenti", che concludere. "Allo stesso modo, questi dati dovrebbero incoraggiare l'adozione di linee guida di vaccinazione nei paesi senza tali raccomandazioni di vaccinazione antinfluenzale materna rivolge due gruppi ad alto rischio con dose di un vaccino -. Non possiamo permetterci di non agire."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha