Vaccino contro l'HPV-16, un virus collegato a cancro cervicale, Appare efficace

Marzo 20, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Uno studio che coinvolge quasi 2.400 donne ha dimostrato che un vaccino che previene l'infezione con uno dei virus legate al cancro cervicale è generalmente sicura ed efficace. Nella maggior parte del mondo, il cancro del collo dell'utero è la seconda causa di morte per cancro tra le donne.

"Altri studi condotti su un gruppo più ampio di donne devono essere fatte, ma siamo molto eccitati finora circa il potenziale salvavita dei vaccini per prevenire il cancro del collo dell'utero. Questa potrebbe essere un'occasione d'oro per eliminare una delle principali cause di morte per cancro in grande parti del mondo ", afferma il Dr. Laura Koutsky, professore di epidemiologia presso l'Università di Scuola di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità di Washington, e investigatore principale dello studio i cui risultati sono pubblicati nel 21 novembre numero di The New England Journal di Medicina.

Il vaccino, prodotto da Merck Research Laboratories, che ha finanziato la ricerca, mira a prevenire l'infezione di papillomavirus umano di tipo 16 (HPV-16). Questo virus molto comune infetta circa il 20 per cento della popolazione adulta. Nella maggior parte dei casi, non ci sono sintomi; tuttavia, HPV-16 è stato collegato a circa la metà dei casi di cancro del collo dell'utero nelle donne. Il cancro cervicale è un cancro che si verifica in apertura del grembo materno.




Lo studio ha seguito le donne di età da 16 a 23 a 16 centri in tutta la nazione, e ha scoperto che l'incidenza di infezione da HPV-16 è stato del 3,8 per 100 anni-donna a rischio tra le donne che hanno ricevuto un placebo, contro nessuno per 100 anni-donna a rischio tra le donne che hanno ricevuto il vaccino. Il documento contiene le informazioni dei primi due anni di studio; i ricercatori si aspettano di seguire le donne per altri due anni.

Ci sono stati un totale di 41 donne nel gruppo placebo che sono risultati positivi per l'infezione da HPV-16 nel corso dello studio; nessun caso sono stati registrati nel gruppo vaccino. Nove casi di neoplasia intraepiteliale cervicale-HPV-16 correlate sono verificati tra le donne che hanno ricevuto il placebo; nessun caso sono stati registrati tra le donne che hanno ricevuto il vaccino. Neoplasia intraepiteliale cervicale (CIN) è una lesione precancerosa della cervice. Queste lesioni possono persistere per lunghi periodi di tempo prima di trasformarsi in cancro invasivo, o possono scomparire e non trasformarsi in cancro a tutti.

Il vaccino sembra impedire HPV dalla persistente nel tratto genitale dove, oltre a causare una lesione, può essere trasmesso ad un partner sessuale.

"Le implicazioni di avere un vaccino sono enormi. Anche se lo screening Pap ha lavorato nel nostro Paese, il cancro cervicale continua ad essere una causa importante di morte per cancro nei paesi in cui non siamo stati in grado di stabilire lo screening Pap routine. Un vaccino potrebbe fare un impatto reale in quei paesi ", dice Koutsky.

Un editoriale che accompagna il giornale dice che più di 450.000 casi di cancro cervicale sono diagnosticati ogni anno, con quasi un quarto di milione di morti ogni anno.

Negli Stati Uniti, la maggior parte dei casi di cancro cervicale legate a HPV sono già prevenuti tramite programmi che comprendono lo screening Pap test, con la diagnosi e il trattamento delle lesioni cervicali precancerose. Tuttavia, un vaccino avrebbe ancora molti vantaggi; per esempio, si potrebbe ridurre il numero di donne che hanno il Pap test anomali e che quindi devono essere oggetto di colposcopia, biopsia e trattamento.

"I trattamenti sono a basso rischio, ma ancora provocano ansia e il costo per le donne ei loro partner Spesso, una donna che ha un Pap test anormale si preoccupi di avere un cancro In quasi tutti i casi, che non lo farà -.. Ma la preoccupazione è enorme "dice Koutsky.

Da un vaccino che elimina tutti i tipi di HPV che sono collegati con il cancro del collo dell'utero è da molti anni da un uso clinico, Koutsky incoraggia vivamente le donne a continuare a sottoporsi a screening Pap test di routine.

"Questi risultati sono molto promettenti, ma la linea di fondo è che fino a quando un vaccino è completamente testato e disponibile, il modo migliore per prevenire il cancro del collo dell'utero è di partecipare allo screening di routine Pap. Pap è notevole, soprattutto quando si confronta l'efficacia di altre strategie di screening del cancro ", dice Koutsky.

Gli investigatori del UW e altri centri sono attualmente arruolando le donne in uno studio di un vaccino che gli obiettivi di quattro tipi di HPV, compreso HPV-16. Includendo gli altri tre tipi di HPV, il vaccino combinato obiettivi di due tipi di HPV (HPV-16 e HPV-18) che sono causa di circa il 70 per cento dei tumori del collo dell'utero, e due tipi di HPV (HPV-6 e HPV-11), che provocano circa il 90 per cento dei condilomi genitali.

Per ulteriori informazioni su STUDIO HPV:

Il Programma di Prevenzione dell'Università di Washington Papillomavirus Umano sta cercando donne volontari sani di età compresa tra 16 e 23 tra di partecipare ad uno studio a lungo termine di un vaccino progettato per prevenire alcuni casi di cancro del collo dell'utero e di condilomi genitali. I volontari devono soddisfare criteri sanitari di base e non intenzione di restare incinta nei prossimi sette mesi passando dalla zona di Seattle nei prossimi quattro anni. Parteciperanno in un totale di 11 visite cliniche nel corso dello studio, e riceveranno $ 50 per il completamento della visita di arruolamento in una clinica di Seattle. Le donne che completano l'intero studio riceveranno $ 850. Per ulteriori informazioni, chiamare Amy al (206) 720-5060.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha