Vaccino contro l'influenza stagionale può ridurre il rischio di ictus

Giugno 17, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Avendo il jab influenza stagionale potrebbe ridurre il rischio di subire un ictus di quasi un quarto, i ricercatori hanno trovato. Gli accademici presso l'Università di Lincoln e L'Università di Nottingham nel Regno Unito hanno scoperto che i pazienti che erano stati vaccinati contro l'influenza sono stati il ​​24% in meno di probabilità di subire un ictus nella stessa stagione influenzale.

I loro risultati sono riportati sulla rivista scientifica Vaccine.

Nel 2010, lo stesso gruppo di ricerca ha dimostrato un legame simile tra l'influenza vaccinazione e riduzione del rischio di attacco cardiaco.




Lead investigatore professor Niro Siriwardena, che è professore di primaria e pre-ospedale presso la Scuola di Sanità e Sociale presso l'Università di Lincoln e anche un medico e della ricerca piombo con Lincolnshire Comunità Servizi sanitari NHS Trust, ha dichiarato: «Le cause della ictus non sono pienamente compresi. fattori di rischio classici come l'età, il fumo e pressione alta possono rappresentare poco più della metà di tutti i casi. "Sappiamo che le malattie cardiovascolari tendono a colpire durante l'inverno e che i rischi possono aumentare da infezioni respiratorie, come influenza. "Il nostro studio ha mostrato una molto significativa associazione tra vaccinazione antinfluenzale e il ridotto rischio di ictus nella stessa stagione influenzale. I risultati sono stati in linea con le nostre precedenti ricerche nel rischio di attacco di cuore."

Dr Zahid Asghar, statistico al progetto, sostenuto dal dottor Carol Coupland (Università di Nottingham) ha analizzato i record di più di 47.000 pazienti che avevano subito un ictus o TIA (attacco ischemico transitorio, o "mini-ictus") tra il 2001 e il 2009. Dati sono state elaborate da nazionale General Practice Research Database del Regno Unito (ora il Clinical Practice Research Datalink). Accanto vaccino antinfluenzale take-up, che hanno visto anche adozione della vaccinazione pneumococcica, che protegge contro le infezioni come la polmonite.

Hanno trovato la vaccinazione antinfluenzale è stata associata con una riduzione del 24% del rischio di ictus. La riduzione è stata più forte se la vaccinazione è stato dato all'inizio della stagione influenzale. Non c'era alcun cambiamento statisticamente significativo del rischio di TIA con la vaccinazione antinfluenzale. La vaccinazione pneumococcica non sembra ridurre il rischio di ictus o TIA sia.

Lo studio, chiamato IPVASTIA, ha utilizzato un disegno caso-controllo. Casi reali di ictus sono stati confrontati con pazienti "controllo", corretti per altri fattori che potrebbero spiegare le differenze di rischio associato a vaccinazione antinfluenzale, come l'età, le malattie esistenti e storia di trattamento. Questo tipo di analisi è ampiamente utilizzato nella ricerca sanitaria per identificare i fattori di rischio per grandi campioni, anche se non può dimostrare relazioni dirette di causa-effetto.

Professor Siriwardena aggiunto: "sarebbero necessari ulteriori studi sperimentali per capire meglio la relazione tra vaccinazione antinfluenzale e il rischio di ictus, tuttavia, questi risultati rafforzano il valore del programma nazionale di vaccinazione antinfluenzale nel Regno Unito con ridotto rischio di ictus che sembra essere un beneficio per la salute aggiunto.. "

Nel Regno Unito, la vaccinazione contro l'influenza stagionale è raccomandato per tutti oltre i 65 anni di età e di altri gruppi a rischio, come quelli con disabilità o malattie croniche. Take-up del vaccino in tutta l'Inghilterra è inferiore a obiettivi nazionali al 74% per over 65 nel 2011/12 e circa il 52% per meno di 65 anni in gruppi a rischio.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha