Vaccino contro la malaria ridurrà malattia, studio suggerisce

Maggio 18, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La ricerca suggerisce un vaccino a base di proteine ​​di legame Duffy potrebbe fornire una protezione contro l'infezione da malaria nel sangue-stage. Questa proteina specifico è un candidato per un vaccino P. vivax, come potrebbe diminuire malattia nelle regioni malaria prevalente. Per la prima volta, gli scienziati degli otto istituti partner insieme con il Centro per la salute globale e malattie, conclusivamente dimostrato che l'infiltrazione invasione dei globuli rossi umani da parte del parassita della malaria potrebbe essere impedito da questi anticorpi.

A differenza di altri tipi di malaria, infezione P. vivax basa esclusivamente su sull'interazione molecolare unico tra l'antigene Duffy sui globuli rossi umani e la proteina legante Duffy espressa dal parassita per stabilire la malattia. Interrompendo l'interazione del legame al globuli rossi parassita, i ricercatori ei loro colleghi di tutto gli Stati Uniti e in Papua Nuova Guinea, India e Thailandia, hanno il potenziale di eliminare P. vivax malaria. Sfruttando questa interazione necessaria, la ricerca offre un chiaro percorso verso lo sviluppo di un vaccino contro la malaria P. vivax.




James W. Kazura, direttore del Centro per la Case Western Reserve University Center for Global Health e malattie, ha sottolineato "P. vivax è ampiamente distribuito in tutta l'Asia, il Pacifico del Sud, parte dell'Africa e del Sud America. Tuttavia, l'importanza di sviluppare un vaccino contro la malaria vivax al pubblico americano è sottolineato dal fatto che questa forma di malaria è trasmessa in Afghanistan, Iraq e adiacente regioni in cui sono stazionate le nostre truppe ".

Per più di 50 anni la Case Western Reserve School of Medicine ha dedicato notevoli sforzi nel campo della sanità internazionale. Questa enfasi è stata avviata dal compianto Federico C. Robbins, preside della Facoltà di Medicina 1966-1980, e premio Nobel per la scoperta metodi che hanno portato allo sviluppo del vaccino contro la poliomielite.

Malaria, ritenuto uno dei "tre grandi" malattie del mondo, insieme a tubercolosi e l'HIV/AIDS, uccide un milione di persone ogni anno. Attualmente, ci sono 70 milioni di casi di P. vivax in tutto il mondo. La prevalenza della malattia è aumentata negli ultimi anni, attraverso la diffusione a livello mondiale di resistenza ai farmaci, che è il motivo per cui un vaccino è un disperato bisogno. La ricerca della Case Western Reserve University School of Medicine è particolarmente incoraggiante perché offre uno dei primi concetti vaccino realizzabile per la forma più comune di malaria.

Questa ricerca di Brian T. Grimberg, Peter A. Zimmerman e Christopher L. King è pubblicato nel numero di dicembre della Public Library of Science Medicine.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha