Vampate di calore potrebbe risultare utile Entra donne con cancro al seno, dice studio

Giugno 5, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Le donne in terapia con tamoxifene che hanno riferito di avere vampate di calore sono stati meno probabilità di sviluppare il cancro al seno ricorrenti rispetto a coloro che non hanno relazione vampate di calore, secondo uno studio del Moores Cancer Center presso la University of California, San Diego (UCSD). Inoltre, vampate di calore sono stati un forte predittore di outcome di età, stato dei recettori ormonali o anche come avanzato il cancro al seno è stato al momento della diagnosi.

"Vampate di calore sono un problema molto comune e dirompente nei sopravvissuti al cancro al seno", ha detto il primo autore dello studio Joanne Mortimer, MD, direttore medico del Moores Cancer Center e professore di medicina alla Scuola di Medicina UCSD. "Circa due terzi delle donne con cancro al seno dicono vampate compromettono la qualità della loro vita. La richiesta più comune per un ulteriore trattamento che otteniamo è di sollievo da questi sintomi."

Lo studio è basato su dati del gruppo di confronto delle Donne Alimentazione sana e Living (whel) studio - un processo multi-site randomizzato dell'impatto di una dieta ricca di verdure, frutta e fibre e povera di grassi sulla ricorrenza di cancro al seno. Le istituzioni partecipanti whel sono University of California, San Diego e Davis, Stanford University, Kaiser Permanente di Oakland e Portland, University of Arizona a Tucson, e l'Università del Texas MD Anderson Cancer Center di Houston.




Delle 1.551 donne con carcinoma mammario in fase precoce che sono stati randomizzati al gruppo di controllo dello studio whel, più della metà (864, o 56 per cento) sono stati prendendo tamoxifene, e più di tre quarti di quelle (674, o 78 per cento ) riportato vampate di calore.

Recidiva del tumore tra le donne che avevano riferito di vampate di calore era di circa 12,9 per cento, rispetto al 21 per cento per le donne non segnalato vampate di calore. Questi dati sono stati coerenti in tutti gli anni di follow-up, indipendentemente dall'età o stato menopausale.

"Questo studio fornisce la prima evidenza che le vampate di calore possono essere un indicatore di una prognosi migliore in donne con carcinoma mammario precoce," ha detto l'autore senior dello studio, John P. Pierce, Ph.D, direttore del Cancer Prevention e programma di controllo al Moores UCSD Cancer Center. "I nostri dati supportano la possibilità di una significativa associazione tra vampate di calore e esito della malattia."

Come passo successivo, i ricercatori hanno in programma di studiare ulteriormente il rapporto tra vampate di calore e la progressione del cancro al seno, misurando i metaboliti tamoxifene in donne sopravvissute al cancro al seno.

I risultati dello studio sono stati presentati presso l'American Society of Clinical Oncology (ASCO) riunione annuale a Chicago. Oltre Mortimer e Pierce, autori sulla carta sono Shirley W. Flatt, MS, Barbara A. Parker, MD, Linda Wasserman, MD, Ph.D., e Loki Natarajan, Ph.D., della prevenzione del cancro e programma di controllo , Moores UCSD Cancer Center; e Ellen B. oro del Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica presso l'Università di California, Davis. Questo lavoro è stato sostenuto dalla Fondazione Walton e una borsa di studio del National Cancer Institute.

(0)
(0)
Articolo precedente Miti E-commerce

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha