Variante del gene sembra prevedere la perdita di peso dopo il bypass gastrico

Maggio 10, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

"Ora sappiamo che la chirurgia di bypass non funziona limitando fisicamente l'assunzione di cibo, ma soprattutto attraverso gli effetti fisiologici - alterare la regolazione dell'appetito per ridurre la fame e migliorare la sazietà e aumentare il dispendio energetico quotidiano," ha affermato Lee Kaplan, HMS professore associato di medicina presso la Messa generale e direttore di obesità, Metabolismo e Nutrizione Institute dell'ospedale. Lui è un autore senior del rapporto. "I fattori genetici sembrano determinare la risposta di un paziente a bypass gastrico, e l'individuazione di marcatori in grado di predire la perdita di peso post-operatorio potrebbe fornire informazioni importanti in quei meccanismi fisiologici."

Il team di ricerca ha condotto studi di associazione sull'intero genoma di oltre 1.000 pazienti che hanno avuto un intervento chirurgico di bypass al Mass General 2000-2011, analizzando quasi 2 milioni di siti gene per associazioni tra le varianti specifiche e la percentuale di perdita di peso dopo l'intervento chirurgico. Una variante specifica in un sito sul cromosoma 15 è stato più strettamente associato con la perdita di peso. Gli individui con due copie della versione benefica del gene perso una media di quasi il 40 per cento del loro peso pre-chirurgica, mentre quelli con una sola copia perso circa il 33 per cento. Il singolo individuo nel gruppo di studio che non avevano copie della variante benefica ha perso meno del 30 per cento del peso presurgical.




Espressione di uno dei geni vicini al sito di questa variante è anche in grado di prevedere la percentuale di peso persa. Inoltre, esperimenti in un modello murino di bypass gastrico indicato che l'espressione della corrispondente versione di tale gene umano, così come un altro gene adiacente al sito variante, sarebbe alterata dal bypass. Gene Ulteriori varianti non come fortemente associato con la risposta a un intervento chirurgico di bypass sono candidati per ulteriori studi in grandi gruppi di pazienti.

Due modelli predittivi sviluppati da Kaplan e il suo team hanno avuto i primi risultati promettenti. Uno di questi unisce la variante genetica del cromosoma 15 con fattori clinici quali l'età, il sesso, la presenza di comportamenti diabete ed esercizio fisico per prevedere i risultati chirurgici; l'altro comprende 12 gene aggiuntivo varianti gli investigatori stanno studiando per determinare la loro utilità nella pianificazione del trattamento.

In particolare, nessuno dei siti gene predittive identificati in questo studio è coinvolto nei percorsi già noti per influenzare lo sviluppo dell'obesità, suggerendo che diversi geni contribuiscono ai benefici di bypass. Sviluppo di farmaci che colpiscono l'attività di tali geni può produrre alcuni degli stessi benefici senza la necessità di un intervento chirurgico, detto Kaplan.

"Il fatto che la genetica sembra giocare un ruolo così importante in quanto bene bypass chirurgico lavora a un singolo paziente ci dà ancora più prove del fatto che i risultati di obesità da una disfunzione dei meccanismi biologici che regolano la massa grassa e il peso corporeo e non solo dal comportamento aberrante o forza di volontà limitata ", aggiunge. "Identificare i geni coinvolti si apre la possibilità di nuove classi di terapie antiobesità che imitano o sfruttano i meccanismi molecolari così efficacemente utilizzati da bypass gastrico."

Lo studio è stato sostenuto dal National Institutes of Health concede DK093257, DK088661 e DK090956, insieme con sovvenzioni dal Merck Research Laboratories e Ethicon Endo-Surgery.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha