Venti anni dopo: come geni di rischio di cancro al seno stanno cambiando la cura del paziente

Marzo 31, 2016 Admin Salute 0 14
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

A metà degli anni 1990, gli scienziati per la prima volta sono stati in grado di isolare e clonare i geni BRCA1 e BRCA2, mutazioni che sono stati pensato di aumentare la suscettibilità alle seno insorgenza precoce e tumori ovarici. Una nuova prospettiva pubblicato la scorsa settimana su Science prende uno sguardo indietro agli ultimi venti anni per mostrare come l'identificazione di questi geni messo in moto una tempesta di ricerca volta ad esplorare le informazioni come genetico può essere utilizzato per creare sia gli standard di cura e di strategie per tutti i pazienti ad un alto rischio di sviluppare il cancro. Molto è stato appreso nel corso degli ultimi venti anni e ora, Basser Research Center della Penn Medicina per BRCA - il primo e unico completo centro BRCA-focalizzato nel suo genere - è in prima linea della prossima generazione di ricerca sulla genetica e il rischio di cancro , metodi per la riduzione del rischio e di prevenzione e nuove terapie di trattamento del cancro.

BRCA: Then and Now

Informazioni raccolte nel corso degli ultimi vent'anni in combinazione con i nuovi dettagli sulla non-BRCA1/2 varianti genetiche sta armando medici e ricercatori gli strumenti per cominciare a modelli di sviluppo in grado di fornire piani di assistenza personalizzati per i vettori BRCA1 2 mutazione/base alle modifiche genetiche. Due decenni fa, gli studi hanno confermato l'associazione tra BRCA1 e BRCA2 mutazioni e cancro al seno precoce e cancro ovarico. Da allora, sono stati segnalati più di 1.800 varianti diverse di BRCA1 e più di 2.000 di BRCA2. Ulteriori studi hanno rivelato che non solo sono BRCA1/2 mutazioni ereditarie, ma alcune variazioni sono comuni anche tra le popolazioni distinte. L'esempio più noto è nella popolazione ebraica ashkenazita, in cui quasi il tre per cento degli individui portano una versione mutata del gene. Ciò significa che hanno un 1 in 40 possibilità di portare una mutazione BRCA1 o BRCA2 gene - una probabilità dieci volte superiore a quella della popolazione non ebraica.




"Il rischio di una donna di cancro al seno è ancora molto legato alla storia della famiglia, ma non si tratta solo di madre o la nonna, si tratta di loro padre e la sua storia familiare, troppo, e le fasce di popolazione la famiglia di un individuo appartiene," ha detto Katherine Nathanson, MD, professore associato di Medicina e la Divisione di Medicina Traslazionale e Genetica Umana, co-leader della prevenzione del cancro e Control Program presso l'Abramson Cancer Center, e un co-autore sulle nuove prospettive. "Venti anni di ricerca ha fornito molte più informazioni su questi fattori di rischio, che ci aiuta a più efficacemente consigliare i pazienti circa la loro rischio di cancro e le possibili strategie preventive."

Oggi, portatori della mutazione BRCA1 sono generalmente stimato per avere una possibilità 57 per cento di sviluppare il cancro al seno e una probabilità del 40 per cento di sviluppare il cancro ovarico da 70 anni, mentre portatori della mutazione BRCA2 sono stimati ad avere una possibilità del 49 per cento di cancro al seno e di un 18 per cento rischio di cancro ovarico.

Nel corso degli anni, grandi studi di molte donne con mutazioni BRCA1 e BRCA2 hanno permesso ai ricercatori di identificare le variazioni sia ambientali e genetici che possono ridurre il rischio di questi individui di sviluppare il cancro. Questi studi hanno gettato le basi per i modelli che permettono ai medici di determinare con maggiore precisione il rischio cancerogeno combinando informazioni su più fattori di rischio, tra cui i gruppi di popolazione a cui appartengono i pazienti, la storia familiare, e tumore patologia.

Gestione del rischio e cura

Come la ricerca si è evoluta nel corso degli anni, i medici hanno identificato diverse strategie che possono essere utilizzati per lo screening per il cancro e ridurre il rischio di cancro tra le donne che portano BRCA1/2 mutazioni. A rischio i pazienti sono invitati a sottoporsi a controlli regolari per rilevare i tumori in una fase precoce, e, a seconda dei singoli considerazioni - come nel caso di un giovane vettore che non può essere finito di avere figli - mastectomia e/o ovariectomia profilattica ( la rimozione delle ovaie), o chemioprevenzione con una combinazione di farmaci possono anche essere informati.

I pazienti noti per essere ad aumentato rischio di cancro a causa di una mutazione in BRCA1 o BRCA2 lavorare con un team di operatori sanitari, tra cui gli oncologi e consulenti genetici per sviluppare un programma personalizzato di gestione del rischio di cancro. Ad esempio, la ricerca pubblicata nel 2011 e guidata da Kathryn Schmitz, PhD, MPH, professore associato di Epidemiologia e Biostatistica e membro del Abramson Cancer Center, ha rivelato che qualche esercizio e pesi può ridurre il rischio di linfedema per i vettori BRCA.

Gli studi in corso stanno cercando di contraccettivi orali, come antiestrogeni e fattori ambientali possono ridurre il rischio di cancro al seno in portatori BRCA1 mutazione 2 /. Gli studi clinici sono in corso per valutare l'efficacia di farmaci noti come inibitori PARP che sono stati trovati nei primi studi per essere particolarmente efficace contro i tumori BRCA-correlati, tra cui seno, alle ovaie, al pancreas e della prostata. In particolare, i risultati dell'anno scorso sono stati rivelati per il più grande studio clinico ad oggi che ha esaminato l'efficacia della terapia con inibitori delle PARP in BRCA 1/2 vettori con malattie diverse cancro al seno e alle ovaie. In questo studio, condotto da ricercatori Penn, il Olaparib farmaco orale è risultato essere efficace contro pancreas e della prostata avanzato. Questi e altri risultati promettenti visti in fase I di sperimentazione di inibitori PARP hanno portato molti ricercatori a credere che uno dei farmaci saranno presto approvati per uso diffuso.

2014 e oltre

Oggi, test per le mutazioni è una parte standard di cura per i pazienti con una storia personale o familiare che possano predisporre al diagnosi futuri. Con l'avvento delle nuove procedure di prova e un numero crescente di geni identificati nel cancro della mammella familiare, lo screening simultaneo di geni "predisposizione" è ora ampiamente disponibile. Tuttavia, non sono stati sviluppati dei nuovi Science carta di nota gli autori che le linee guida per la gestione della cura degli individui presenti per portare queste mutazioni. Inoltre, poiché il rischio associato per il seno e di altri tumori è ancora sconosciuto per alcune mutazioni, anche un risultato positivo può causare ansia sia per il paziente e il medico, in quanto non ci sono le attuali linee guida per guidare raccomandazioni per questi pazienti.

"Combinati, metodi di prova per le mutazioni BRCA1/2 e le strategie di prevenzione che sono stati sviluppati nel corso degli ultimi venti anni costituiscono alcuni dei primi esempi di prevenzione 'personalizzata' attraverso la genetica", ha detto Nathanson. "Ora, due decenni dopo la prima clonazione di successo dei geni BRCA, il cancro al seno la ricerca genetica continua ad essere una forza trainante per lo sviluppo di nuovi modelli per personalizzato, la medicina di precisione."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha