Viaggio nello spazio profondo potrebbe creare cuore guai di salute per gli astronauti

Aprile 25, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli astronauti anticipano più viaggi sulla luna e missioni con equipaggio per Mars.But esposizione alle radiazioni cosmiche di fuori del campo magnetico terrestre couldbe dannosa per loro arterie, secondo uno studio condotto dalla University of Alabama a Birmingham ricercatori pubblicato 6 Aprile 2011, online sulla rivista Radiation Research.

Utilizzando un modello animale, i ricercatori hanno valutato l'effetto di radiazioni ioni ferro che si trovano comunemente in spazio per vedere se le esposizioni promosse lo sviluppo di aterosclerosi, in quanto fonti di radiazioni terrestri sono noti per fare. Essi hanno osservato che la radiazione cosmica accelerato lo sviluppo di aterosclerosi, indipendente dai livelli di colesterolo o di globuli bianchi circolanti dei topi. Ha inoltre peggiorata lesioni aterosclerotiche esistenti.

"E 'ben noto che l'esposizione prolungata a fonti di radiazioni qui sulla Terra, compresi quelli utilizzati nel trattamento del cancro, eccessiva esposizione professionale e bombe atomiche, sono associati ad un aumentato rischio di aterosclerosi", ha detto Dennis Kucik, MD, Ph.D., socio professore presso il Dipartimento di Patologia UAB. "Ma radiazione cosmica è molto diverso da raggi X e altre radiazioni trovano sulla Terra. I rischi di radiazione di viaggio nello spazio profondo sono difficili da prevedere, in gran parte perché così poche persone sono state esposte."




Ioni accelerati a radiazioni cosmiche interagiscono in modo diverso con oggetti e persone, Kucik detto.

I raggi X possono essere bloccati da schermi di piombo; tuttavia, gli ioni di radiazioni cosmiche possono diventare più pericolose quando interagiscono con i metalli, generando particelle secondarie che possono anche avere effetti biologici. Anche se è possibile utilizzare altri materiali per schermare dalle radiazioni ioni, incorporarle tute presenta sfide significative.

Le uniche persone che sono state esposte ad alti livelli di radiazioni cosmiche sono i 24 astronauti che sono stati sulla luna, come parte delle missioni Apollo della NASA alla fine del 1960 e primi anni 1970. Kucik detto perché molte persone hanno aterosclerosi precoce - sia che viaggiano nello spazio o no - non potevano trarre conclusioni dal piccolo numero di astronauti che sono stati al di fuori del campo magnetico terrestre. E, ha aggiunto, anche se potessero, con così poche persone sarebbe impossibile effettuare uno studio epidemiologico rilevante

Invece, Kucik ei suoi colleghi hanno esaminato lo sviluppo di aterosclerosi nei topi dopo l'esposizione mirata a un fascio di particelle ad alta velocità ioni di ferro - simili a quelle che si trovano nello spazio - prodotto da scienziati del Brookhaven National Laboratory di New York. Hanno analizzato i topi a 13 e 40 settimane dopo per valutare lo sviluppo di aterosclerosi in aorta e le arterie carotidi. Essi hanno concluso c'era coinvolgimento dei componenti nella parete arteriosa nella risposta biologica di lesioni da radiazione.

"A 13 settimane è stato sorprendente e davvero notevole che abbiamo già potuto vedere un danno permanente - un ispessimento irreversibile della parete dell'arteria dove era stato esposto a radiazioni", ha detto il co-autore Janusz Kabarowski, Ph.D., professore assistente in il Dipartimento di Microbiologia UAB. "L'irradiazione non ha avuto effetto significativo sulla frequenza di globuli bianchi circolanti immunitarie e infiammatorie o plasma profilo lipidico."

Conoscere gli effetti delle radiazioni cosmiche sulla salute del cuore degli astronauti nello spazio profondo aiuterà ad affrontare le sfide uniche di trattamento e prevenzione posta da missioni di lunga durata, Kabarowski detto. "La nostra ricerca futura esaminerà i meccanismi che causano il danno, e cercheremo di trovare un modo per indirizzare tali meccanismi per correggere il danno o impedire del tutto."

Kucik detto i risultati del team possono inoltre informare il trattamento del cancro. Newer radioterapia protonica possono essere mirati a fermare e depositare tutta la loro energia in un tumore, tanto come ioni ferro da fermata spazio nel corpo. "Nessuno conosce il rischio aterosclerotico di questa terapia", ha detto Kucik. "Qualsiasi cosa si impara attraverso questi studi su spazio profondo sarà utile per i malati di cancro."

Kucik e Kabarowski di ricerca è stata sostenuta da una sovvenzione da parte del National Space Biomedical Research Institute attraverso la NASA. Co-autori sulla carta sono Tao Yu, Kiran Gupta, Xing Wu e Saman Khaled del Dipartimento di Patologia UAB; Brian Parks, Shaohua Yu e Roshni Srivastava del Dipartimento di Microbiologia UAB; e Polly Chang da SRI International a Menlo Park, in California.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha