Viagra, Strumento improbabile Vision Research, rallenta la risposta visiva a luce tremolante

Aprile 27, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Dosi terapeutiche di Viagra hanno dimostrato di influenzare il tasso al quale i segnali visivi sono integrati dal cervello, influenzando il modo rapido, eventi ripetuti, come sfarfallio luce, sono percepiti. Il lavoro mette in luce la funzione di uno specifico enzima fotorecettore e spiana la strada per la futura ricerca utilizzando il Viagra come strumento sicuro per studiare la visione umana.

Originariamente sviluppato come farmaco per il cuore, sildenafil citrato (Viagra) ha diversi effetti collaterali, non ultimo dei quali è che aiuta ad alleviare la disfunzione erettile prolungando il rilassamento della muscolatura liscia nei corpi cavernosi del pene, contribuendo così a mantenere la flusso di sangue necessario per l'erezione. Un effetto collaterale meno desiderabile è che inibisce l'enzima fosfodiesterasi, PDE6, che è nel cono e asta fotorecettori dell'occhio ed è coinvolto nella trasduzione dei fotoni in segnali neurali che vengono decodificati dal sistema visivo. L'effetto preciso di Viagra sulla performance visiva umana, però, rimane un po 'equivoco e aneddotica.

Misurando la capacità di osservatori umani per rilevare luci tremolanti in varie condizioni, un team di ricercatori, tra cui Andrew Stockman dell'Istituto di Oftalmologia, Londra, ha dimostrato che terapeutici 100 dosi mg di Viagra causano perdite transitorie della sensibilità di sfarfallio. Queste perdite variano in gravità, da lieve a moderata, tra gli osservatori. In tali osservatori più colpite, le perdite di sensibilità sfarfallio dovuti alla inibizione della PDE6 da Viagra sono coerenti con quasi raddoppio del tempo in cui gli eventi visive sono integrate dal sistema visivo.




Questi risultati dimostrano l'importanza della PDE6 non solo nella trasduzione, ma anche in adattamento alla luce: PDE6 normalmente aiuta a mantenere la risposta visiva all'interno di un intervallo ottimale accorciando il tempo durante il quale risposte visive sono integrati come la luce aumenta di livello. Quando il tempo di integrazione non viene opportunamente ridotta con livello luminoso - per esempio, a causa l'inibizione della PDE6 da Viagra - la risposta visiva integrata diventa troppo grande e risoluzione temporale dell'occhio troppo bassa. Grazie a questi effetti negativi, Viagra rappresenta uno strumento unico per lo scienziato di manipolare l'attività di PDE6 farmacologicamente nell'uomo in vivo, e quindi per studiare il ruolo di questo enzima in visione.

###
(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha