Vorreste patatine? Valore Meal potrebbe abbassare i costi dei farmaci

Maggio 27, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Sfruttando le interazioni tra cibo e farmaci potrebbe drasticamente ridurre i costi rapido aumento di diversi farmaci antitumorali, e forse molti altri farmaci, due specialisti del cancro-farmaceutico suggeriscono in un commento nel 16 luglio 2007, numero del Journal of Clinical Oncology.

University of Chicago oncologi Mark Ratain, MD, e Ezra Cohen, MD, richiamare l'attenzione sul rovescio della medaglia di studi recenti che mostra come alcuni alimenti possono alterare l'assorbimento o la rottura ritardo di ben mirati farmaci anti-cancro.

Invece di vedere tali studi per evidenziare un problema di dosaggio, Ratain e Cohen sostengono che i risultati come questo dovrebbero puntare ricercatori verso una soluzione parziale, un nuovo modo per ridurre i costi dei farmaci, aumentando i benefici di questi farmaci efficaci ma costosi.




Il commento è stato ispirato da uno studio presentato nel mese di giugno presso l'American Society for Clinical Oncology. I ricercatori di Dartmouth hanno dimostrato che prendendo il lapatinib farmaco per il cancro al seno (TYKERB) con il cibo - invece che a stomaco vuoto come suggerito in etichetta - ha portato in più del farmaco di essere assorbito e disponibili per il trattamento del cancro.

I pazienti attualmente prendono cinque compresse da 250 mg di lapatinib a stomaco vuoto. Lo studio ha trovato che l'assunzione del farmaco con un pasto aumenta la biodisponibilità del farmaco da 167 per cento. Prendendo il farmaco con un pasto ricco di grassi livelli potenziato da 325 per cento.

"Semplicemente cambiando i tempi, l'assunzione di questo farmaco con un pasto anziché a stomaco vuoto, potremmo potenzialmente utilizzare il 40 per cento (o anche meno) del farmaco", ha detto Ratain. "Dal momento che lapatinib costa circa 2900 dollari al mese, questo potrebbe risparmiare ogni paziente 1.740 dollari o più al mese."

Topping fuori quel pasto con succo di pompelmo, "che può anche aumentare le concentrazioni plasmatiche", secondo il foglietto illustrativo, potrebbe aumentare i risparmi al 80 per cento, gli autori suggeriscono, "meno il costo del cibo e succo di frutta."

"Ci aspettiamo che la pillola lapatinib una 250 mg accompagnato da cibo e annaffiato con un bicchiere di succo di pompelmo può produrre concentrazioni plasmatiche paragonabili a cinque 250 pillole mg a stomaco vuoto", ha detto Ratain.

Tale "pasto di valore", gli autori aggiungono, può avere altri benefici. La tossicità maggiore associata a lapatinib è la diarrea, probabilmente causata da farmaco non assorbito. Quindi prendere una dose più bassa con il cibo dovrebbe "ridurre la quantità di farmaco non assorbito, e quindi teoricamente anche di ridurre la frequenza e la gravità di diarrea."

I pazienti devono MAI lanciare tali esperimenti in proprio, gli autori cautela. Tali combinazioni cibo-farmaco dovrebbero essere studiati per valutare gli effetti, nota da persona a persona variazioni, e consentire ai medici di prevedere come i singoli pazienti occuperanno e metabolizzare i farmaci specifici in presenza di determinati alimenti.

"L'unica cosa che non dovrebbe essere anticipato è uno studio di efficacia da sponsor di lapatinib," scrivono gli autori. Tali studi potrebbero essere montate da altre entità, tuttavia, come il governo federale, gli altri contribuenti o gruppi di difesa.

Ratain e Cohen stanno attualmente conducendo uno studio, un trial di fase I della combinazione di sirolimus orale (rapamicina) assunto con succo di pompelmo, che contiene sostanze che ritardano la ripartizione di molti farmaci.

Decine, forse centinaia, di farmaci dovrebbe essere studiato in questo modo, gli autori hanno detto. "Se abbiamo capito il rapporto tra, diciamo, succo di pompelmo e farmaci comuni, come le statine, che prese quotidianamente da milioni di persone per prevenire le malattie cardiache, potremmo risparmiare una fortuna in costi di droga", ha detto Cohen. "E i pazienti avrebbero ottenuto un po 'di vitamina C per l'avvio."

"Il prezzo rapidamente crescente di farmaci (in particolare per il cancro e altre malattie mortali) ha fornito incentivi per esplorare approcci farmacologici per ridurre i costi dei farmaci," Ratain e Cohen concludono.

"Mentre entriamo in un'era di" mirati "agenti antitumorali con un costo mensile misurato in migliaia di dollari, dovremmo considerare le interazioni tra farmaci o droghe alimentari come opportunità per ridurre i costi."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha