West Nile Virus può essere nuovo ceppo mortale, USGS Tells Congress

Maggio 1, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Recenti d'aria morie suggeriscono che il virus West Nile che è emerso a New York alla fine di agosto potrebbe essere più letale per le specie di uccelli del Nord America rispetto alle specie in Africa, nel Medio Oriente e in Europa, dove il virus si trova normalmente, uno scienziato USGS ha riferito oggi nel corso di un'audizione congressuale tenuto in Connecticut dal Comitato del Senato per l'ambiente e lavori pubblici.

Dr. Robert G. McLean, direttore del USGS National Wildlife Health Center a Madison, Wis., Ha informato la commissione sul ruolo delle popolazioni di uccelli indigeni e altri animali selvatici nella comparsa di virus del Nilo occidentale negli Stati Uniti. Individuazione del virus in uccelli e altre specie animali fornisce informazioni fondamentali per le agenzie di salute pubblica di monitoraggio l'infezione nelle persone.

"L'alta mortalità in corvi e di altre specie di uccelli è inusuale per questi virus", ha detto McLean. "Questo suggerisce che questo virus è più virulento ai nostri uccelli nativi o può rappresentare un nuovo, ceppo più virulento del virus."




Residente e uccelli migratori possono svolgere un ruolo importante nella trasmissione naturale del virus e nel mantenere il virus negli Stati Uniti, McLean testimoniato. "Gli uccelli migratori potrebbero diffondere il virus ad altri stati al di fuori della zona di New York City", ha detto. "Monitoraggio rafforzato attraverso la sorveglianza per i primi, la rapida individuazione di virus West Nile in Stati al di fuori della zona interessata sarà importante per orientare le misure di prevenzione."

L'emergere di virus del Nilo occidentale negli Stati Uniti, che ha portato alla morte di sette persone da West Nile encefalite, ha riunito l'esperienza combinata e le risorse di molte agenzie federali e statali lungo la costa orientale. Diverse agenzie federali e statali e gruppi privati ​​sono alla ricerca di campioni umani e animali salvati che sono stati raccolti prima del 1999, al fine di testarli per la presenza del virus del Nilo occidentale. Questi campioni sono inoltre in fase di test per gli anticorpi per determinare se il virus era presente negli Stati Uniti prima dello scoppio del 1999. I risultati di queste indagini dovrebbero fornire un quadro più chiaro di come, dove e quando è stato introdotto il virus, McLean ha osservato.

McLean, che ha ricevuto il suo Ph.D. presso la Penn State University nel 1966, e ha 30 anni di esperienza con le malattie della fauna selvatica, discusso anche le attività e gli sforzi dei USGS nell'indagare gli aspetti della fauna selvatica di questo virus. "A partire da inizio novembre, 392 uccelli sono stati testati da USGS e Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC), e 192 sono risultati positivi per il virus del Nilo occidentale", ha detto McLean. "Il virus ha infettato almeno 20 specie di uccelli, tra cui uccelli esotici e nativi a zoo, e circa quattro specie di zanzare. Ma è difficile valutare quanti uccelli sono morti di questa malattia."

USGS, CDC, US Department of Agriculture e di altre agenzie hanno intensificato la sorveglianza della fauna selvatica per il rilevamento di virus del Nilo occidentale, e hanno ampliato il monitoraggio ad altri stati atlantici e costa del Golfo. McLean ha assicurato il comitato, "Stiamo continuando a collaborare a sorveglianza rafforzata e per determinare quali metodi di sorveglianza specifiche funzionano meglio per ogni regione."

McLean ritiene che le popolazioni di uccelli nativi avranno un ruolo fondamentale nelle indagini degli impatti a lungo termine del virus del Nilo occidentale negli Stati Uniti. Ha aggiunto: "Ulteriori ricerche sono necessarie per determinare se la fauna selvatica, zanzara o entrambe le popolazioni delle zone colpite in grado di mantenere il virus a New York e in altri Stati e servire come fonte di sopra di svernamento per risorgere la prossima estate."

### Per ulteriori informazioni sui virus del Nilo occidentale, vedere le seguenti pagine:

USGS pagina sulla West Nile Virushttp: //www.usgs.gov/west_nile_virus.html

USGS Fact Sheet sulla West Nile Virushttp: //www.usgs.gov/wnvfactsheet.html

USGS National Wildlife Health Center e simili Web pageshttp://www.umesc.usgs.gov/nwhchome.htmlhttp://www.umesc.usgs.gov/http_data/nwhc/news/whal9902.html

USGS Risorse Biologiche Page di encefalite West Nile http://biology.usgs.gov/mosquito/mosquito.htm

Centers for Disease Control and Prevention http://www.cdc.gov/ncidod/dvbid/arbor/arboinfo.htm

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha