Yale ricercatori Sviluppare primo vaccino contro la West Nile Virus testato con successo in modello animale della malattia

Aprile 21, 2016 Admin Salute 0 9
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Scienziati di Yale hanno immunizzato topi con successo contro il virus West Nile, aumentando la possibilità di sviluppare un vaccino per l'uomo contro l'infezione trasmessa dalle zanzare potenzialmente fatale.

Anche se ci sono stati circa 10 morti legati ai virus segnalati fino ad oggi negli Stati Uniti, il virus del Nilo occidentale è considerata una malattia emergente, secondo Erol Fikrig, MD, professore associato di medicina e presso il Dipartimento di Epidemiologia e Salute Pubblica a Yale School di Medicina, che ha diretto lo studio. "La sua serietà come minaccia per la salute pubblica non è ancora completamente noto," ha detto. "Questo dovrebbe diventare evidente nei prossimi due o tre anni. Se il vaccino si rivela necessario, il suo sviluppo sarà prezioso."

I risultati dello studio sono stati pubblicati online sul Journal of Immunology il 23 ottobre ed è apparso nel numero di stampa 1 novembre.




West Nile virus è stato identificato in Uganda nel 1937 e da allora le persone infette in molte altre parti del mondo. E 'stato visto per la prima volta negli esseri umani negli Stati Uniti nella zona di New York City nel 1999. Casi sporadici sono allora è apparso in tutto il Nord-Est e nel Sud e nel Midwest. Il virus, che infetta gli uccelli e gli esseri umani, si diffonde attraverso punture di zanzara principalmente in mesi caldi.

Non vi è attualmente alcuna cura per il virus del Nilo occidentale, anche se l'infezione generalmente non provoca gravi conseguenze. I pazienti anziani, tuttavia, possono sviluppare encefalite fatale, una infezione del sistema nervoso centrale.

Fikrig, Tian Wang, un borsista post-dottorato nel suo laboratorio, e altri colleghi di Yale hanno lavorato con John F. Anderson e soci dalla Experiment Station Connecticut Agricultural a New Haven per isolare il virus trovato in un uccello infetto. Essi geneticamente una proteina nel virus, che poi iniettato in topi non infetti. Immunizzazione con il vaccino fornito una protezione completa per gli animali contro il virus West Nile.

La diagnosi di virus del Nilo occidentale, può essere difficile con i metodi attuali. La proteina utilizzata per effettuare il vaccino potrebbe potenzialmente essere impiegato per sviluppare un test diagnostico.

Altri partecipanti allo studio incluso Louis A. Magnarelli del Experiment Station Connecticut Agricultural, Susan J. Wong del Dipartimento della Salute dello Stato di New York, e Raymond A. Koski di L2 Diagnostics, Inc.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha