Zinc 'decompressione' protegge i neuroni dell'ippocampo

Aprile 22, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli ioni di zinco rilasciati alla giunzione tra due neuroni (chiamati sinapsi) sono segnali importanti, ma quando troppo zinco accumula, le cellule diventano disfunzionali o morire.

I ricercatori del Blue Bird Circle Developmental Neurogenetics Laboratorio del dipartimento di neurologia al Baylor College of Medicine hanno scoperto che lo zinco entra nelle cellule attraverso i cancelli di proteine ​​specializzate noto come trasportatori di avviamento postale, e la rimozione di queste proteine ​​di avviamento postale di cellule dell'ippocampo (un'area del cervello che facilita la memorizzazione e il recupero della memoria) li protegge in modo significativo da un infortunio. I risultati sono pubblicati sull'ultimo numero del Journal of Neuroscience.

"Questi risultati aprono la strada allo sviluppo di un nuovo tipo di medicina neuroprotettivo per condizioni come convulsioni, ictus, traumi cerebrali e altre patologie neurodegenerative", ha detto il dottor Jeffrey L. Noebels, professore di neurologia, neuroscienze e della genetica molecolare e umana a BCM nonché direttore del Blue Bird Circle Developmental Neurogenetics Laboratory. Molti laboratori stanno cercando tali farmaci, e questo fornisce un indizio importante.




Grandi quantità di zinco sinaptica si trovano nell'ippocampo. Tuttavia, questo circuito cerebrale è un luogo comune per crisi epilettiche, e le cellule dell'ippocampo sono estremamente vulnerabili ai danni durante un prolungato cervello "tempesta", come i sequestri sono a volte chiamati. Dal momento che i sequestri attivano molte altre molecole che possono potenzialmente danneggiare le cellule e sono anche accompagnate da un taglio fuori di ossigeno e glucosio per i nervi, il contributo di eccessiva di zinco rilasciato durante il sequestro non è stato chiaro.

Zinco trova la sua strada in cellule cerebrali attraverso molteplici siti di entrata: i canali ionici, recettori del glutammato, e una famiglia di speciali trasportatori di assorbimento note come proteine ​​ZIP. Dr. Jing Qian, assistente professore di neurologia presso BCM, utilizzato tecniche di imaging ottico in fettine di cervello per dimostrare che la maggior parte di zinco entra neuroni attraverso due proteine ​​ZIP, ZIP1 e ZIP3. Qian ha anche scoperto che la voce è accelerata da neuronale.

Quando ha analizzato il danno cellulare dopo convulsioni prolungate in topi che sono stati geneticamente modificati per mancare i due geni di avviamento postale, ha scoperto che un gruppo importante di neuroni dell'ippocampo sono notevolmente seguenti integro sequestri anche gravi durata di sei ore o più.

"Questo studio è interessante, perché per la prima volta abbiamo dimostrato che la riduzione di entrata di zinco da solo, senza rimuoverlo dalla dieta o interferire con le sue altre funzioni importanti, è un modo efficace per proteggere le cellule cerebrali dai danni dovuti a crisi epilettiche, e probabilmente una varietà di altri insulti al cervello ", ha detto Noebels. "Ora che queste proteine ​​di avviamento postale rappresentano bersagli molecolari nuove e importanti per lo sviluppo di farmaci in grado di ridurre in particolare l'ingresso di zinco e proteggere circuiti di memoria nel cervello dai danni."

Altri che hanno preso parte alla ricerca includono Kaiping Xu, Jong Yoo, e Tim T. Chen, tutti BCM e Glen Andrews della University of Kansas Medical Center di Kansas City, Kansas.

Il finanziamento per questa ricerca è venuto dal National Institutes of Neurological Disorder and Stroke e la Blue Bird Circle Pediatric Neurology Research Foundation.

Noebels detiene il Cullen Trust for Health Care sedia dotata.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha